AFP/LaPresse

Errore di strategia della Red Bull che costa l’accesso in Q2 a Gasly: Helmut Marko e Christian Horner si scusano con il pilota francese

Clamoroso quanto accaduto in pista durante le qualifiche del gp di Melbourne. Pierre Gasly è stato penalizzato da una strategia della Red Bull che ha impedito al pilota francese di qualificarsi per la Q2. Gasly aveva completato il primo ‘run’ della Q1, con le gomme soft, terminando in ottava posizione, addirittura davanti a Verstappen. Il team ha dunque giudicato il tempo ottenuto come adeguato alla qualificazione, sottovalutando le prove degli altri piloti (Verstappen compreso) che, effettuando un secondo giro hanno migliorato i rispettivi tempi facendo scivolare Gasly (rientrato in pit-lane) in 17ª posizione.

Helmut Marko, consulente speciale della Red Bull, ha ammesso l’errore di strategia della scuderia, porgendo le sue scuse al pilota: “è stato un errore stupido commesso dal nostro gruppo di strateghi e dobbiamo scusarci con Pierre”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il team manager Christian Horner: “con il senno di poi è facile dire che avremmo dovuto usare un altro set di gomme ma in quel momento non era semplice prevedere cosa sarebbe accaduto da li a pochi minuti. È frustrante per Pierre ed anche per noi, ma sono sicuro che domani sarà comunque in grado di disputare una buona gara”.