AFP/LaPresse

Vittozzi: “Destabilizzata dai primi due poligoni, poi ho svoltato in positivo”. Wierer: “Troppi otto errori”. Gontier: “Sbaglio ancora qualcosa”. Le dichiarazioni delle azzurre dopo l’inseguimento nella Coppa del Mondo di Biathlon

Qualche errore di troppo e la sensazione di aver potuto fare di meglio, si conclude con un po’ di amaro in bocca la prova dell’inseguimento di quest’oggi per le azzurre impegnate nella Coppa del Mondo di Biathlon. Lisa Vittozzi è la migliore qualificata (10ª), Wierer chiude 20ª, Gontier 48ª.

Queste le dichiarazioni delle azzurre dopo la gara:

Vittozzi: “E’ stato destabilizzante ritrovarsi a fare sei errori nei primi due poligoni. Poi ho azzerato tutto e ho provato a salvare il salvabile. Alla fine mi sono salvata e ho tirato fuori una bella gara, importante per fare punti per la Coppa del mondo. Sono contenta di aver svoltato in positivo. Non saranno comunque queste gare che mi abbatteranno, so che il mio potenziale è ben più alto e che posso fare di più. Ora affronto le prossime gare, cercando di dimenticare queste prime due giornate storte“.

Wierer: “Peccato per la seconda serie dove ho fatto quattro errori e con quattro giri di penalità ero anche abbastanza cotta. Alla seconda serie a terra c’era una specie di tempesta di neve. E’ chiaro che otto errori sono troppi. Io ho provato a rimanere calma, ma non vedevo molto e non sapevo se dare tacche o non dare tacche. E’ stato tutto abbastanza complicato“.

Gontier: “Sono partita abbastanza bene con la prima, ma c’è qualcosa che sbaglio e che devo recuperare. Proverò a farlo con le prossime gare“.