Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

Sei Nazioni 2019, l’Italia di Conor O’Shea è pronta ad affrontare l’Irlanda nella terza gara: ecco dunque il XV azzurro per l’occasione

Il ct dell’Italrugby, Conor O’Shea, ha ufficializzato la formazione che domenica alle 16 allo stadio Olimpico di Roma affronterà l’Irlanda nel terzo turno del Sei Nazioni 2019. Cinque i cambi nel XV titolare rispetto alla gara persa contro il Galles due settimane fa. In mediana si rivede dal primo minuto Tito Tebaldi, mediano di mischia del Benetton Rugby, ai box dopo l’infortunio occorsogli nel riscaldamento prima di Scozia-Italia. Confermato all’ala Padovani dopo le due mete realizzate nelle prime due giornate del Sei Nazioni. L’assenza di Sergio Parisse in terza linea porterà allo spostamento di Steyn come numero 8 con l’inserimento dal primo minuto di Maxime Mbandà, che tornerà a vestire la maglia azzurra a un anno di distanza dalla sua ultima presenza. Debutto dall’inizio del match per Jimmy Tuivaiti che scenderà in campo al posto del febbricitante Sebastian Negri. Primo cap da titolare per Federico Ruzza, seconda linea del Benetton Rugby. In prima linea Leonardo Ghiraldini, alla presenza numero 102, guiderà da capitano per la diciassettesima volta gli azzurri. Ai suoi lati confermato Simone Ferrari, mentre ritorna dal primo minuto Andrea Lovotti, ai box contro il Galles a causa di un virus influenzale. Rilasciati al proprio club di appartenenza Marco Zanon e Marco Riccioni. Dirigerà il match il neozelandese Glen Jackson che nella stagione in corso ha già incrociato l’Italia nel test match vinto dal XV di O’Shea contro la Georgia a Firenze lo scorso novembre.

Questo il XV dell’Italia per la sfida con l’Irlanda: 15 Jayden Hayward, 14 Edoardo Padovani, 13 Michele Campagnaro, 12 Luca Morisi, 11 Angelo Esposito, 10 Tommaso Allan, 9 Tito Tebaldi, 8 Abraham Jurgens Steyn, 7 Maxime Mbandà, 6 Jimmy Tuivaiti, 5 Dean Budd, 4 Federico Ruzza, 3 Simone Ferrari, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Andrea Lovotti; A disposizione: 16 Luca Bigi, 17 Cherif Traorè, 18 Tiziano Pasquali, 19 David Sisi, 20 Alessandro Zanni, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Ian Mckinley, 23 Tommaso Castello. (Spr/AdnKronos)

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE