Gallinari 
LaPresse/Reuters

Sorridono i Clippers di Gallinari, amaro ko per i Celtics e i Rockets: Irving costretto a lasciare il parquet dopo pochi minuti di gioco per un problema al ginocchio

Con l’NBA non ci si annoia mai: tante le sfide che hanno intrattenuto gli appassionati nella notte italiana tra sabato e domenica. Ad aprire le danze è stato il match tra Utah Jazz e San Antonio Spurs, vinto dai padroni di casa per 125-105. 11 punti per Marco Belinelli, 23 invece per DeRozan, ma non sono bastati agli Spurs per portare a casa la vittoria.

Successivamente è stato il turno di Indiana Pacers-Cleveland Cavaliers. L’ex team di LeBron James ha ceduto per 105-90. I padroni di casa sono stati trascinati alla vittoria da un ottimo Bogdanovic, a referto con 23 punti.

Amara sconfitta per gli Atlanta Hawks, che hanno ceduto per 120-129 ai Charlotte Hornets. I 21 e 20 punti rispettivamente di Collins e Young non sono bastati per mettere in difficoltà Walker e Williams, che hanno messo a segno ripsettivamente 37 e 27 punti.

Sorridono i Toronto Raptors, che hanno trionfato sui New York Knicks per 99-104, così come anche i Los Angeles Clippers, che hanno mandato al tappeto i Boston Celtics per 112-123. Tra i padroni di casa si è messo in mostra Hayward, con 19 punti, mentre Irving è stato costretto a lasciare il campo da gioco dopo 14 minuti di gioco e 14 punti messi a segno, a per un problema al ginocchio destro. Sorride Danilo Gallinari, a referto con 19 punti, ma il miglior realizzatore e Harrell che ha messo a segno 21 punti.

Chicago Bulls ko contro i Washington Wizards per 125-134. Tra i padroni di casa LaVine e Markkanen sono andati a referto rispettivamente con 26 e 20 punti, ma è stato Beal il miglior realizzatore, con 31 punti, seguito dai 20 di Randle e Parker.

Niente da fare per i New Orleans Pelicans, che hannmo ceduto in casa dei Memphis Grizzlies per 99-90, mentre Houston Rockets-Oklahoma City Thunder ha regalato spettacolo puro. Il match è terminato col punteggio di 112-117 ed il botta e risposta del Barba e di George hanno infuocato il palazzetto. 42 punti per James Harden, contro i 45 di George. Infine, i Milwaukee Bucks hanno ceduto, davanti al pubblico di casa, agli Orlando Magic per 83-103.