La Yamamay E-Work Busto Arsizio vince anche a Mulhouse e vola in semifinale! Affronterà le ungheresi del Bekescsaba

La Yamamay E-Work Busto Arsizio sbarca in semifinale di CEV Cup: le farfalle bissano in terra francese il successo dell’andata sull’ASPTT Mulhouse e fanno un altro passo verso il trofeo già conquistato dalla squadra lombarda nel 2010 e nel 2012. Dopo il 3-0 di Busto Arsizio alla Yamamay E-Work, sostenuta da ben 50 tifosi giunti dall’Italia, basta vincere i primi due set per assicurarsi il passaggio del turno, prima di chiudere la partita al tie break. Nella serata francese brillante la prestazione di Herbots (21 punti con il 40%) e Meijners (20 col 47%), dentro dal terzo set per Gennari.

In semifinale, a partire dal 26 febbraio, la squadra di Marco Mencarelli troverà la formazione ungherese dello Swietelsky Békéscsaba, che nel turno precedente ha eliminato il Saint Raphael; dall’altra parte del tabellone si sfideranno in un derby rumeno Alba Blaj e Stiinta Bacau. Busto Arsizio è la seconda squadra italiana ad approdare a una semifinale europea dopo la Saugella Team Monza, che ieri si era qualificata al penultimo atto di Challenge Cup.

Starting six: la UYBA parte con Orro – Grobelna, Bonifacio – Botezat, Gennari – Herbots, Leonardi libero. Mulhouse risponde con Papafotiou – Spelman, Trach – Olinga Andela, Snyder – Frantti, libero Soldner. Nel primo set la UYBA è sempre avanti (6-10, 12-20), sbaglia pochissimo e chiude rapida 13-25, con 6 punti a testa per Herbots e Gennari. Nel secondo game Mulhouse prova Guerra al posto di Snyder e Michel per Trach, ma le farfalle continuano a dominare (7-14, 10-22) con 4 punti a testa di Grobelna, Gennari e Bonifacio (14-25).

Dal terzo parziale, a giochi chiusi, via al turnover per Mulhouse e per Mencarelli, che schiererà fino alla fine Berti per Bonifacio, Meijners per Gennari e Piani per Grobelna. Da qui c’è più equilibrio e, nonostante i 9 punti nel set di Meijners, vince Mulhouse 25-23 (Guerra 5). Nel quarto le padrone di casa continuano ad imporre il loro gioco, con le farfalle che mollano un pochino la presa (spazio anche per Cumino a metà game) e concedono il parziale (25-20, 5 punti per Guerra, 4 per Jeanpierre). Al tie-break finale la UYBA parte benissimo (1-5) e, nonostante il tentativo di recupero delle francesi (13-14, bene Guerra), riesce a chiudere a proprio favore 13-15.

Marco Mencarelli (allenatore Yamamay E-Work Busto Arsizio): “Una partita interpretata nel modo giusto: siamo entrati con un livello di attenzione e di gioco molto elevato e abbiamo conquistato senza problemi i due set necessari. Poi non dico che abbiamo fatto allenamento, ma sicuramente abbiamo avuto la possibilità di provare soluzioni diverse anche con le ragazze che non sempre fanno parte del 6+1 titolare. E’ stato dunque un buon test, perché poi loro hanno iniziato a giocare più sciolte. Al di là del passaggio del turno, sono soddisfatto della serata francese“.

Giulia Leonardi (libero Yamamay E-Work Busto Arsizio): “Ci eravamo dette di partire cariche e devo dire che dal primo punto siamo state fortissime per tutti e due i set che servivano. Poi c’è stato sicuramente un calo, ma sono contenta di aver portato comunque a casa la vittoria al tie-break. Abbiamo battuto, murato e contrattaccato benissimo: oggi ci è riuscito davvero tutto“.