LaPresse/REUTERS

Russell Westbrook zittisce le critiche nei suoi confronti: la stella dei Thunder non le manda di certo a dire e risponde a tono alle accuse in merito al suo gioco

Russell Westbrook è un talento straordinario. Il playmaker dei Thunder è un giocatore capace di spaccare in due le partite grazie al suo mix di esplosività atletica, talento e carisma che lo fanno essere al centro del gioco di OKC. Soprannominato ‘Mr. Tripla Doppia’, guardando i tabellini delle sue partite si può notare come spesso Westbrook riesca a piazzare tre doppie cifre alle voci punti, assist, rimbalzi, risultando decisivo sera dopo sera. I suoi detrattori però contestano proprio questo aspetto del suo gioco, l’eccessivo accentramento che, ‘privilegiando’ i numeri personali, rischia di danneggiare il gioco della squadra. Intervistato ai microfoni di NewsOK.com, Westbrook ha risposto a tono alle critiche: “sono stato benedetto con un talento che mi permette di fottermene delle critiche. Indipendentemente da ciò che accade, non cambia il modo in cui vivo, ciò che penso. Ho una famiglia incredibile. Grandi amici. Una vita incredibile. Lavoro incredibile. Guadagno molti soldi nel mio lavoro. Sono estremamente benedetto, grato, umile. Non sono stato nei guai. Non causo problemi. Sto perfettamente bene. Sto vivendo la miglior vita possibile e non posso lamentarmi un po’. Lui parla, lei parla, quello che qualcuno dice su tirare, passare, dribblare, ogni anno viene fuori qualcosa … devono inventarsi qualcosa su di me, che va bene, è ok”.