LaPresse/EFE

Anthony Davis regolarmente in campo nonostante i rumor che lo davano pronto a ‘saltare l’intera stagione’ in caso di mancata trade: una regola NBA scoraggia Pelicans e giocatore da tale ipotesi

Gli ultimi giorni di mercato NBA sono stati caldissimi. Il classico susseguirsi di rumor e notizie, alcune confermate altre poi smentite, qualcuna rimasta forse in sospeso fra i meandri delle logiche del mercato e del tumulto frenetico che porta alla scadenza della trade deadline. Una notizia particolare aveva fatto rallegrare i tifosi dei Lakers, quella secondo la quale Anthony Davis avrebbe espresso la volontà di restare fuori per tutta la parte restante della stagione in caso di mancata trade. Notizia che però non ha avuto il suo corrispettivo nella pratica: Davis non è stato scambiato ed è sceso regolarmente in campo. Il motivo sarebbe da ricercare in una particolare regola, in vigore dal 2017, che ‘limita’ le gare che un giocatore possa saltare per semplice riposo, dunque senza infortuni o squalifiche. Per evitare assenze sistematiche che possano influire sulla qualità dello spettacolo, l’NBA ha posto 100.000 dollari di multa per ogni gara saltata al di fuori dei margini stabiliti per tale regola. Pelicans e Anthony Davis, se mai ci fosse stata la volontà comune di non far giocare il ragazzo, ci hanno ampiamente ripensato alla svelta.