bagnaia
AFP/LaPresse

Il pilota della Pramac ha commentato la terza giornata di test a Sepang, svelando un piccolo problema fisico che non gli ha permesso di completare la simulazione di gara

Si chiude in maniera positiva la terza giornata di test a Sepang per Pecco Bagnaia, riuscito a piazzarsi al secondo posto assoluto dietro Danilo Petrucci, con un ritardo dal ternano di soli 63 millesimi.

Un ottimo modo per terminare questa prima sessione del 2019 e prepararsi al meglio in vista della seconda in Qatar“sono contento per il lavoro che abbiamo fatto – le parole di Bagnaia a Sky Sport – ci siam portati molto avanti. Abbiamo una buona base di setting per i prossimi test in Qatar, dobbiamo lavorare su un po’ di cose per quanto riguarda l’elettronica ma sono contento. E’ stato un buon time-attack quello che ho fatto, di ritmo non siamo messi male ma quando ho dovuto fare una simulazione di gara non sono riuscito a completarla, perchè non stavo bene per via di una gastroenterite. Mi rimetterò a posto e in Qatar ripartiremo, sono contento di quanto emerso da questa sessione di Sepang. Test positivo, ogni volta che guido imparo qualcosa di nuovo ed è la cosa più importante. Volevo scendere sotto i 2 minuti e sono riuscito anche a scendere sotto l’1.59. Sino a ieri guidavo come un pilota della Moto2, oggi ho guidato come un pilota della MotoGp. Non è facile, perché è tutto diverso. Finalmente sono riuscito ad essere efficace in frenata, questa è stata la chiave per andare così forte, anche se credo che ci fosse ancora margine”.