moelgg
AFP/LaPresse

Lo sciatore azzurro non prenderà parte alla seconda manche per risparmiare le forze in vista dello slalom di domenica

Alexis Pinturault è al comando della prima manche del gigante maschile ai mondiali di Are, in Svezia. Il francese guida col tempo di 10’09”97 davanti all’austriaco Marcel Hirscher, staccato di dieci centesimi. Terzo il norvegese Henrik Kristoffersen a diciotto centesimi. La febbre della vigilia ha evidentemente influenzato la prestazione degli azzurri Luca De Aliprandini e Manfred Moelgg.

Il primo non ha trovato condizioni adatte alle sue caratteristiche considerando che il suo modo di sciare aggressivo mal si sposa su una neve non ghiacciata come quella di Are: si spiega anche così il suo ritardo di 1″92 da Pinturault. Moelgg ha avuto difficoltà sin dall’inizio e ha chiuso 25° con 3″13 di ritardo, poi ha annunciato la rinuncia alla seconda manche per risparmiare energie in vista dello slalom di domenica: “non mi piace dire che sto male, ma la verità è quella. Ho provato a dare tutto, ma non avevo le forze. Non mi piace rinunciare ad una manche ma cerco di risparmiare un po’ di energie per lo slalom di domenica in cui proverò a rifarmi”.

Queste le parole degli altri azzurri:

Luca De Aliprandini: “nella prima parte sono riuscito a tenere abbastanza, ma poi ho spigolato e ho rischiato di inforcare e allora non mi sono più fidato. Le forze non sono al top, ma darò tutto quello che ho nella seconda“.

Riccardo Tonetti: “ho preso una tirata alla schiena alla sesta porta e da lì non riuscivo più a fare il movimento coretto. Un peccato. Farò il tifo per i miei compagni“.

Simon Maurberger: “ho preso due buche nelle prime porte e ho corso tutta la manche in difesa per rimanere dentro il tracciato. Ci tengo molto a fare almeno una bella seconda manche e darò tutto“.