In seguito ad una rissa scoppiata sul finire del match tra Casellina e Fortis Juventus 1909, il Giudice Sportivo ha comminato ben 60 giornate di squalifica

Ventiquattro calciatori di due formazioni juniores della provincia di Firenze, 12 della società Casellina di Firenze e altrettanti della Fortis Juventus 1909 di Borgo San Lorenzo, sono stati squalificati dal giudice sportivo territoriale del Comitato regionale Toscana complessivamente per un totale di 60 giornate. Nella motivazione è scritto che le squalifiche sono state inflitte “per aver partecipato attivamente ad una rissa sul terreno di gioco“, in occasione della partita Casellina-Fortis Juventus 1909 valida per il campionato Juniores under 19 regionale disputata il 2 febbraio.

L’incontro era stato sospeso dal direttore di gara al 42′ del secondo tempo a seguito di una rissa tra i giocatori. In quel momento, la squadra ospite era in vantaggio per 1-0. Le sanzioni disciplinari più pesanti, 6 giornate di squalifica, sono state inflitte a un calciatore del Casellina, che ha colpito con un pugno al volto un avversario, e a uno della Fortis Juventus, reo di aver tirato un calcio in testa a un avversario. Il giudice sportivo ha inoltre inflitto alle due società la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3, oltre a una multa di 200 euro. (Red-Xio/AdnKronos)