verstappen
Photo4/LaPresse

Il pilota della Red Bull ha parlato in vista della prossima stagione, svelando di essere impaziente di provare la RB15

Manca poco all’inizio della nuova stagione, Max Verstappen non vede l’ora di iniziare e di mettersi al volante della nuova RB15. Concluso in crescendo lo scorso Mondiale, l’obiettivo dell’olandese è quello di partire con il piede sull’acceleratore, provando a mettere subito in difficoltà Mercedes e Ferrari.

Verstappen
Photo4 / LaPresse

Intervistato sul prossimo campionato iridato, Mad Max ha sottolineato: “non vedo l’ora di capire come il team sia riuscito a interagire con Honda, di come vada la monoposto e di come possa funzionare il motore in collaborazione con il nostro telaio. Non vedo l’ora di iniziare la stagione, perché la pausa invernale è stata piuttosto lunga. Nelle prime 3 settimane sei contento di fermarti, ma poi non vedi l’ora di ricominciare. Cercherò sicuramente di dare il meglio di me. Ma parlare di obiettivi è difficile, perché devi vedere come andrà la monoposto e il nuovo motore. Ora è meglio aspettare i verdetti dell’Australia, perché ora darei un giudizio alla cieca. In F1 è tutto legato al pacchetto di cui puoi disporre. Dunque, a parte dire che cercherò di dare il meglio di me, dovremo aspettare e vedere. La cosa che mi rende più impaziente è il motore. Non vedo l’ora di entrare in pista e scoprire il potenziale del V6 Honda. Di sentire e di capire come funziona. Voglio capire quanto sia sfruttabile, quanta potenza abbia. E poi voglio capire come sarà la macchina e anche dove poter migliorare in vista dell’inizio della stagione, Ci aspettiamo molto dalla nostra nuova partnership con Honda. Penso però che sia necessario dare loro un po’ di tempo perché non penso potremo essere perfetti sin dalla prima gara della stagione. Potremo fare errori, potremo non funzionare perfettamente assieme nelle prime uscite, ma penso che la cosa più importante sia che il team e Honda spingano forte sugli sviluppi e lo facciano assieme. Io sono molto ottimista, ma anche realista da questo punto di vista”.

© Photo4 / LaPresse

Sul nuovo compagno di squadra, Verstappen ammette: “non vedo l’ora di iniziare a lavorare con Gasly per cercare di spingere nella stessa direzione e aiutare il team a migliorare. Speriamo che possa succedere tutto questo. Ci siamo conosciuti ai tempi del kart e ora siamo entrambi piloti di Formula 1. Dunque siamo riusciti a coronare i nostri sogni. Ora dovremo lavorare come un team. Non penso che essere la coppia piloti più giovane della F1 sia un vantaggio, ma penso anche che non porti svantaggi. Ho fatto 4 stagioni in F1, ho accumulato esperienza in questi anni. Pierre ha un po’ meno esperienza, ma penso che il team possa aiutarlo a colmare le lacune da questo punto di vista. Chiaramente se si ha 30 anni si ha molta più esperienza, ma non penso sia necessariamente una cosa migliore rispetto alla nostra situazione attuale”.