daniel ricciardo
photo4/Lapresse

Il pilota australiano ha commentato le scelte di Ferrari e Mercedes, esprimendo la propria frustrazione per essere stato snobbato da entrambe

Chiusa la carriera in Red Bull, Daniel Ricciardo è ripartito dalla Renault. Una scelta sorprendente ma quasi obbligata, considerando che poche erano le alternative al team di Enstone.

LaPresse/Photo4

Le porte di Ferrari e Mercedes non si sono mai aperte, per questo motivo l’australiano non ha potuto far altro che ‘accontentarsi’ della scuderia francese, come si evince dalla sua intervista rilasciata a Sky UK: “il mancato interesse dei top team mi ha frustratocredevo di accasarmi in uno dei due top team, soprattutto dopo le prime sei gare dello scorso anno. Ne avevo vinte due, quindi tante quante Vettel e Hamilton, e in quel periodo nessuno sembrava poterci insidiare. In un certo senso, credevo che le mie aspirazioni fossero lecite e, probabilmente, mi aspettavo qualcosa in più in quel momento”. L’australiano ha poi commentato le scelte di Ferrari e Mercedes:Leclerc è un giovane di prospettiva e forse questo è stato parte del loro piano fin da subito. Indipendentemente da quali fossero i miei risultati e quali fossero i suoi risultati. Ciò che hanno fatto lo capisco benissimo, perché ho visto la Red Bull operare nello stesso modo facendo crescere i ragazzi attraverso il suo programma. La Mercedes invece credo che si trovi in una situazione differente. È una dinamica leggermente diversa con il percorso che hanno scelto. Penso che per loro sia più prudente, ma non posso discutere perché sembra funzionare. Lewis ha vinto il campionato piloti e la squadra il costruttori, quindi hanno raggiunto tutti gli obiettivi”.