LaPresse / AFP PHOTO / CHRISTOPHE SIMON

La WTA annuncia nuove regole: dall’abbigliamento al ranking protetto in caso di maternità o infortunio, passando per le regolamentazioni sul prize money, ecco come cambiano le norme del tennis femminile

In vista della stagione 2019, la WTA ha discusso sul possibile cambiamento di alcune norme del regolamento, arrivando alla modifica di alcuni punti che, in passato, avevano generato qualche polemica. I principali cambiamenti riguardano il ranking protetto in caso di maternità o infortunio, prize money nel caso di eventuali ritiri e particolarità negli outfit. Andiamo ad analizzarle nel dettaglio:

Ranking Protetto – Tale regola permette alle tenniste costrette ad un lungo stop, in caso di maternità o infortunio, di poter rientrare dopo un lungo periodo di tempo e mantenere il proprio ranking. Per evitare casi come quello di Serena Williams e Vika Azarenka, rientrate dopo la maternità e con un ranking inferiore a quello precedente alla loro pausa, la WTA ha stabilito che: in caso di maternità una tennista avrà a disposizione 3 anni per rientrare ed usare il protect ranking, periodo di tempo che inizierà dalla nascita del figlio; in caso di infortunio la tennista avrà 3 anni di tempo (e non più 2) per rientrare con la classifica protetta.
Prize Money – Tale norma regolamenta l’accesso al prize money, il premio di partecipazione che ogni tennista riceve con la sua sola presenza nel torneo. Le polemiche in questo caso hanno spesso riguardato l’eventuale cancellazione dal torneo prima dell’esordio e l’eventuale cifra guadagnata praticamente ‘senza giocare’. La WTA ha stabilito che: le tenniste presenti nel tabellone principale (wild-card escluse) che si cancellano dal torneo nel periodo che va dall’inizio delle qualificazioni a prima dell’esordio nel main draw riceveranno l’intero prize money del 1° turno. Le lucky loser avranno diritto ad un montepremi che sarà stabilito dal prize money della sconfitta al primo turno nel tabellone principale più il prize money dell’ultimo turno di qualificazione (oppure il prize money dell’ultimo turno di qualificazione più il prize money del turno raggiunto nel tabellone principale sottratto però il prize money del primo turno che è andato alla giocatrice che si è ritirata). Tale norma può essere utilizzato soltanto in due tornei a stagione (non consecutivi) e per essere attuata la giocatrice deve aver giocato almeno un torneo nei 60 giorni precedenti. Inoltre non ci si può appellare a tale regola per cancellarsi dal singolare e giocare il doppio.
Outfit e abbigliamento – Ancora una volta Serena Williams al centro di alcune polemiche legate al suo abbigliamento utilizzato dalla tennista americana al Roland Garros: una sorta di tuta in stile ‘Black Panther’ che fece addirittura indignare i vertici del tennis francese. Contrariamente a quanto Giudicelli, massimo esponente della federazione francese, aveva previsto annuncinadone il ‘divieto’, la WTA ha stabilito che: potranno essere usati outfit come quello di Serena Williams al RG2018, leggins e ‘pantaloncini da ciclista’ senza gonnellino o vestito annesso.