Gian Mattia D'Alberto / LaPresse
Federico Pellegrino è fra i più attesi al via del Tour de Ski che scatta sabato 29 dicembre da Dobbiaco con una sprint a tecnica libera. Il vicecampione olimpico nella sprint sarà fra i favoriti nella specialità a lui più cara che aprirà il torneo, oltretutto in tecnica libera, sulla pista in cui si è già imposto nel 2015, e avrà un’ulteriore chance nella terza tappa in programma martedì 1 gennaio in Val Mustair, dove è salito tre volte sul podio in carriera. “Il calendario mi offre due belle occasioni per far bene – spiega -, cercherò di sfruttarle nel modo migliore. Solitamente al Tour c’è sempre qualche assente, stavolta invece saranno tutti presenti e il livello sarà altissimo. Saranno due sprint molto diverse, Dobbiaco è molto veloce, Val Mustair invece è lunga e difficile. Si tratterà di coniugare velocità e resistenza, ho voglia di gareggiare e avere preparato questo appuntamento diversamente dagli anni passati spero possa dare i suoi frutti. Le ultime settimane sono state un po’ travagliate in termini di preparazione, con qualche piccolo problema fisico, per cui credo mi fermerò dopo la terza tappa, sarebbe un rischio mettere a repentaglio gli appuntamenti successivi che saranno fondamentali in vista dei Mondiali“.

Il Tour de Ski si aprirà a Dobbiaco sabato 29 dicembre con una sprint in pattinato e proseguirà domenica 30 dicembre con una 15 km maschile e una 10 km femminile sempre in tecnica libera. La terza tappa è prevista martedì 1 gennaio a Val Mustair (Svi) con una sprint in tecnica libera, poi trasferimento in Germania, a Oberstdorf, per una 15 km maschile e una 10 km femminile mass start in tecnica classica mercoledì 2 gennaio, che precede giovedì 3 gennaio una 15 km maschile e una 10 km femminile in tecnica libera a inseguimento. Chiusura come sempre in Val di Fiemme sabato 5 gennaio con una 15 km maschile e una 10 km femminile in tecnica classica mass start e la salita del Cermis di domenica 6 gennaio sui 9 km in tecnica libera.