Eusebio Di Francesco
Luciano Rossi/Lapresse

L’allenatore della Roma ha analizzato la partita contro il Sassuolo, esaltando la prestazione di Zaniolo

Felice e soddisfatto Eusebio Di Francesco, euforico per il successo ottenuto dalla Roma contro il Sassuolo. Una partita consistente quella dei giallorossi, capaci di rifilare un bel tris ai neroverdi, riusciti ad accorciare solo nel finale le distanze con Babacar.

LaPresse/AS Roma/Fabio Rossi

Unica macchia di una partita perfetta, come sottolinea l’allenatore della Roma ai microfoni di Sky Sport: “a livello tecnico forse è stata la migliore prestazione dell’anno. Mi dispiace però per il gol nel finale, comunque siamo sulla strada giusta, ho rivisto tante cose interessanti. Ci sarebbero così tante cose da dire, mal tempo è poco. Si fa fatica ad essere una squadra importante quando mancano giocatori. A me piace da continuità ad un sistema di gioco e mi piace dare certezze. I giocatori, con grande disponibilità, si sono messi in discussione. Zaniolo? Avevo chiesto due giocatori giovani nella trattativa Nainggolan, uno era Nicolò. Mi voglio prendere questo merito con la società, i giocatori giovani vanno messi in campo, come ho fatto con Zaniolo contro il Real quando tutti mi presero per matto. Non ero in crisi, era un segnale importante. È diventato una pedina fondamentale di questo scacchiere, ha fatto un grande gol. Per quanto riguarda Schick, devo dire che ha grande qualità, attacca bene la porta quando ci sono spazi ampi. Oggi è stato molto bravo, magari poteva fare anche un gol in più. Se andrà via a gennaio? Non abbiamo parlato di mercato assolutamente, è un ragazzo su cui la Roma ha investito tanto, ci sono dei percorsi. Qui a Roma sono maestri a osannarti o a buttarti giù“.