LaPresse/Reuters

Il Barba mette a segno ben 41 punti nella vittoria dei Rockets sui Thunder, a Philadelphia invece non basta Embiid per arginare i Celtics

Nella serata del giorno di Natale l’NBA regala spettacolo, proponendo due partite capaci di aumentare oltre misura il livello di adrenalina. Si comincia con il match tra Houston e Oklahoma, con i padroni di casa trascinati da un incontenibile James Harden. Il Barba mette a referto ben 41 punti, risultando di gran lunga il miglior marcatore del match. Niente da fare per i Thunder, nonostante le buone prestazioni di George e Westbrook, cancellati dalla potenza di Harden. I Rockets si impongono 113-109, inanellando così la seconda vittoria consecutiva dopo quella ottenuta contro San Antonio. 

Emozioni e spettacolo anche al TD Garden di Boston, teatro della sfida tra Celtics e Philadelphia. I padroni di casa si impongono con il punteggio di 121-114, ma serve un overtime per sancire la fine della contesa. Il migliore in campo è senza ombra di dubbio è Kyrie Irving, capace di segnare ben 40 punti oltre a 3 assist e 10 rimbalzi. Non bastano a Philadelphia i 34 di Embiid e i 24 di Butler, Boston difende la vittoria e si porta momentaneamente al quinto posto della Eastern Conference.