Figura, show di Charlène Guignard e Marco Fabbri: gli azzurri secondi dopo la rhythm dance delle Finali Grand Prix

SportFair

Nella prima metà di gara delle Finali di Grand Prix in Canada la coppia tricolore delle Fiamme Azzurre si regala una grande rhythm dance e si piazza alle spalle degli statunitensi Hubbell-Donohue

Strepitosi anche nell’olimpo, nella sfida tra i più grandi. Charlène Guignard e Marco Fabbri, all’esordio in carriera nelle Finali di Grand Prix, a Vancouver mettono la propria firma su un’eccezionale prima metà di gara che li proietta al secondo posto dietro soltanto agli statunitensi Hubbell-Donohue. Sul ghiaccio canadese del Doug Mitchell Thunderbird Sports Centre la coppia delle Fiamme Azzurre sfiodera una rhythm dance da applausi etotalizza 78.30 punti (42.59 di valutazione tecnica e 35.71 per le components), distante appena 2.23 lunghezze dal tandem americano al comando. Gli azzurri allenati da Barbara Fusar Poli si lasciano invece alle spalle i russi Sinitsina-Katsalapovterzi a 77.33, ma soprattutto i connazionali Stepanova-Bukin, fermatisi per ora al quarto posto con 77.20 punti. Nel secondo segmento di gara Charlìne e Marco proveranno così a diventare la terza coppia di sempre della danza italiana a centrare un podio nelle Finali di Grand Prix, loro che, però, dovessero riuscirsi sarebbero anche i primi a farlo all’esordio assoluto. “Dopo le prime due tappe stagionali abbiamo lavorato a lungo su questa rhytm dance per renderla ancora più appassionante, precisa e pulita. Siamo molto felici perché siamo riusciti a pattinare proprio come volevamo e non potremmo davvero chiedere di più“, dice raggiante Marco Fabbri a caldo dopo la gara.

Nella primissima mattina italiana sono poi scesi sul ghiaccio anche Della Monica-Guarise tra le coppie di artistico. Il tandem delle Fiamme Oro si è classificato al 5° posto dopo il corto con 69.77 punti (36.77 di valutazione tecnica e 33.00 per le components) nella gara condotta a sorpresa dai cinesi Peng-Jin. (75.69). Per gli allievi di Cristina Mauri una buona prova ma purtroppo non impeccabile tanto da pensare di sognare il podio partendo da outsider. Nella notte italiana tra sabato e domenica i programmi liberi e gli attesissimi esiti del week-end canadese di Grand Prix.