Dallas Mavericks
Icon SMI / LaPresse

Mark Cuban, proprietario dei Dallas Mavericks, si lancia in un duro attacco verso la formazione dei giovani talenti del basket USA, prendendo come modello positivo la pallacanestro della Slovenia

Luka Doncic è una delle cose migliori che sia capitata alla Dallas della pallacanestro dai tempi di Dirk Nowitzki. Con 18.8 punti, 6.6 rimbalzi e 4.9 assist, Doncic ha avuto un impatto incredibile sull’efficienza della squadra, impressionando l’intera NBA. Non solo grande talento, ma anche una mentalità incredibile per un ragazzo che non ha ancora compiuto 20 anni. Molto più maturo dei parietà statunitensi. Lo afferma Mark Cuban che in una recente intervista, riportata da eurohoops.net, ha criticato la formazione dei giovani americani, proponendo di spedirli in Slovenia ad imparare i fondamentali del basket: “per Doncic è stato importante avere una grande esperienza di basket fuori dall’NBA perché si è abituato a persone più grandi di lui, ma credo che il più grande vantaggio per lui sia stato imparato a giocare a basket. Quando sei dotato come lui impari come funziona il gioco. Basta guardare all’educazione al basket dei ragazzini di 11 anni che viene fatta in Europa e in particolare in Slovenia, che è ‘basket-oriented’. Se prendessimo i nostri migliori ragazzini e, 7 anni prima che diventino McDonald’s all-American, li mandassimo in Slovenia per formarli, la lega sarebbe 1000 volte meglio. Imparerebbero come giocare a basket, mentre adesso i nostri ragazzi imparano a prendere in giro gli avversari e fare giocare da mixtapes”.