Milan vs Inter Gattuso
Spada/LaPresse

L’allenatore rossonero è ormai appeso ad un filo esilissimo, la società sfoglia la margherita ed intanto valuta i nomi dei sostituti

La situazione in cui versa il Milan resta al momento delicatissima, il pareggio ottenuto a Frosinone ha diminuito sensibilmente le possibilità di Gattuso di salvare la propria panchina.

Scaroni, Leonardo e Maldini
Spada/LaPresse

Una squadra senz’anima e priva di verve, in balia di una crisi che pare quasi irreversibile. Urge una sterzata, una boccata d’aria nuova che l’attuale allenatore non riesce proprio a dare. Ogni mossa si rivela sbagliata, magari perchè la squadra ha ormai perso quell’ultimo briciolo di fiducia riposto nell’ex Pisa. Per questo motivo, i vertici della dirigenza rossonera hanno iniziato a stilare un Piano B, anche se non è facile trovare un sostituto che accetti di prendere per mano il Milan per condurlo in Champions League. Il primo nome sulla lista resta quello di Roberto Donadoni, che al momento però resta sotto contratto con il Bologna. Un nome più suggestivo è senza dubbio quello di Wenger, ma l’amicizia con Gazidis non riuscirà a superare i problemi di carattere economico legati a questa operazione. Più defilato infine resta Guidolin, legato a Scaroni in virtù dei luccicanti periodi vicentini. Nessuno dei tre sembrerebbe però incline al ruolo di semplice traghettatore, per questo motivo il Milan valuta attentamente la mossa da fare: un eventuale errore potrebbe costare carissimo all’intera società.