LaPresse/Reuters

Il vocabolo ‘Lukakare’ pronto ad entrare nel dizionario di Oxford: le cattive prestazioni dell’attaccante del Manchester United diventano un verbo

Romelu Lukaku potrebbe finire su un libro. No, non quello dei record e nemmeno quello della storia del Manchester United. Dove? Nel dizionario di Oxford! Le brutte prestazioni dell’attaccante dei ‘Red Devils’ potrebbero diventare presto un verbo riconosciuto: ‘Lukakare”. I tifosi del Manchester United lo hanno già iniziato ad usare nella vita di tutti i giorni con ben due significati ed una frase esempio:

  1. Non avere la situazione sotto controllo
  2. Cattiva gestione dovuta alla mancanza di abilità o di concentrazione

Esempio: “mi piace davvero questa ragazza, tutto sta andando così bene, prego di non lukakare tutto”.

Lukaku dal canto suo ha provato a giustificarsi spiegando di aver messo su troppi muscoli durante Russia 2018, caratteristica che ne ha “lukakato” le prestazioni successive. I tifosi non possono più farne a meno, adesso resta solo da renderlo ufficiale.