LaPresse/Reuters

Kingsley Coman vive con l’ansia di una ricaduta dopo i continui problemi alla caviglia che lo hanno afflitto negli ultimi anni

Non accetterei di fare una terza operazione, ne ho abbastanza. Se il mio piede non è fatto per questa vita, vuol dire che ne avrò un’altra, più anonima“. Parole forti quelle dell’ex juventino Kingsley Coman. Il calciatore è alle prese con un serio infortunio ai legamenti della caviglia ed è stato fuori dal campo per diversi mesi. Adesso il calciatore è tornato in campo, ma la paura di una ricaduta lo sta condizionando notevolmente: “E’ stato un anno molto difficile, quando mi sono fatto male mi è cascato il mondo addosso. Spero di non dover rivivere quello che ho dovuto passare, se accadrà vuol dire che non sono fatto per vivere a questo livello“, le parole riportate dal Corriere dello Sport. La speranza è che Coman non abbia ricadute e che possa ritrovare la condizione migliore.