LaPresse/EFE

Kemba Walker spezza i sogni dei New York Knicks: il playmaker degli Hornets, nativo del Bronx, spiega di non voler tornare a casa nella prossima stagione

Nel corso della prossima free agency, i New York Knicks sono attesi ad un ruolo da protagonisti sul mercato. La franchigia newyorkese potrà aggiungere un top player al proprio roster, formando una coppia interessante con Porzingis per, insieme agli altri giovani, puntare ad un piazzamento ai Playoff. Un giocatore si è subito chiamato fuori dal lotto dei candidati: Kemba Walker. Il nativo del Bronx, a margine del successo degli Hornets al Madison Square Garden, ha spiegato di non avere l’intenzione di ritornare a casa nella prossima stagione: “non ho alcun interesse a tornare a casa ora come ora. Sono a casa, sono nato da queste parti. […] Giocare di fronte a famiglia e amici è eccitante per chiunque e lo è anche per me. Non ho idea di cosa succederà in estate. Adesso sono concentrato sulla stagione. Arriverà il momento di discutere del futuro. Da anni ormai sento il mio nome accostato ai Knicks. Ogni volta che vengo qui  a giocare mi viene chiesto: ‘quando torni a casa ai Knicks?’ Il MSG è un luogo speciale, i Knicks sono una squadra speciale. Ovviamente ho fatto sempre il tifo per la squadra di casa ed ero un loro fan da bambino. Tuttavia, non riesco a immaginarmi con la canotta Knicks sulla schiena. Non so, per il semplice fatto che ho sempre vestito una sola maglia in carriera”.