Fabio Ferrari/LaPresse

Basta un gol di Mandzukic alla Juventus per battere la Roma e mantenere gli otto punti di vantaggio sul Napoli, che gli valgono il titolo di campione d’inverno

Una Juventus inarrestabile, un po’ opaca ma comunque cinica e perfetta nel confronto con la Roma, battuta con un gol di Mario Mandzukic. Il croato si conferma ammazza grandi, segnando l’ennesima rete alle big del nostro campionato.

Fabio Ferrari/LaPresse

Lazio, Napoli, Inter, Milan e Roma finite tutte nella personale bacheca dell’attaccante bianconero, autentico uomo in più per Massimiliano Allegri, capace di raccogliere questa sera la vittoria numero sedici su diciassette partite. Una macchina perfetta, un ingranaggio rifinito nei minimi particolari, inattaccabile sia in fase offensiva che in quella difensiva. Sono 684 i minuti di imbattibilità della retroguardia della Juventus, che non subisce gol in campionato ormai dal 3 novembre, quando Szczesny raccolse in fondo al sacco la palla calciata da Joao Pedro. Da quel momento in poi, mai più nessuno è riuscito a violare la porta bianconera, escludendo le gare in Champions League. Inutile sottolineare come quella juventina sia la migliore difesa del campionato, con soli 8 gol subiti in diciassette partite: una media irrisoria che fa dormire ad Allegri sonni tranquilli.

LaPresse/AS Roma/Luciano Rossi

Un po’ opaco invece l’attacco, con soli tre gol segnati nelle ultime tre gare, sufficienti comunque per portare a casa nove punti contro Inter, Torino e Roma. Il titolo di campione d’inverno è già in tasca, avendo otto lunghezze di vantaggio sul Napoli che potrebbero però aumentare nel prossimo turno, visto che gli azzurri faranno visita all’Inter. Non sarà agevole nemmeno l’impegno della Juve sul campo dell’Atalanta, ma con una macchina così perfetta, difficilmente Allegri potrà sbandare. Mancano due gare al giro di boa, l’obiettivo bianconero è chiaro: vincerle tutte per continuare a stupire, le avversarie sono avvertite!