LaPresse/Daniele Badolato

Juventus, Fabio Paratici ha parlato dell’affare Cristiano Ronaldo, inizialmente un sogno che poi si è trasformato in realtà

Il direttore sportivo della Juventus, Fabio Paratici, ai microfoni di Skysport ha raccontato la trattativa che ha portato Cristiano Ronaldo in bianconero, con tanto di retroscena tenero relativo a suo figlio. Il tutto è nato da un incontro con Mendes, nel quale però i due avrebbero dovuto parlare di tutt’altro: “Cristiano Ronaldo? Quando ci siamo visti con Mendes parlando di Cancelo, la cosa nasce da questo, e parlando di Cancelo lui mi dice: ‘Tu non ci credi ma Cristiano vuole venire alla Juve’. Io gli ho detto: ‘Si ci credo, ma mi sembra difficile trovare di far quadrare tutto’. I bambini sono tifosi dei calciatori più grandi e che gli fanno vivere dei sogni e credo che questi calciatori facciano vivere grandi sogni. Mio figlio aveva questo desiderio di Cristiano Ronaldo e di avere la sua maglia, quindi mi ricordo che andai a vedere una patita del Portogallo e comprai questa maglietta da bambino di Cristiano e lui la indossava sempre e lui non credeva a questa cosa. Tant’è che gli altri anni mi diceva: ‘Papà perché non compriamo Cristiano Ronaldo? Perché è impossibile’. Poi quando è successo mi ha detto: ‘Papà mi avevi detto che era impossibile’. E li la risposta non c’è stata perché non c’era la risposta”.