olimpiadi invernali 2018 biathlon
Gian Mattia D'Alberto / LaPresse

Le parole di Dorothea Wierer dopo la vittoria di oggi nella sprint di Hochfilzen

Dorothea Wierer analizza la sua splendida vittoria nella sprint di Hochfilzen che le permette di allungare in vetta alla classifica di Coppa del mondo, con un vantaggio di 19 su Kaisa Makarainen. “Sinceramente non riesco a spiegarmi il motivo per cui sono talmente sicura al poligono di tiro – racconta -, due settimane fa avevo tanti piccoli dettagli da sistemare che facevano la differenza, adesso è tutto magicamente risolto. Ho commesso un errore nell’ultimo colpo della seconda serie perchè avevo già la testa all’ultimo giro sugli sci, sapevo che Makarainen aveva sbagliato perchè avevo visto sul tabellone, ma non ho pensato a niente e solamente a me stessa, peccato perchè l’ho veramente pizzicato. Sugli sci sono stata veloce perchè avevo ottimi materiali e mi sentivo bene muscolarmente, sono partita a tutta e ho finito a tutta. Il pettorale giallo mi sta dando tranquillità, non mi sento per niente sotto pressione, sono calma in pista e al poligono. Adesso ci aspetta l’inseguimento, ci divertiremo, partiamo insieme e cercherò di fare una gara tattica, controllando la finlandese ma al tempo stesso controllando il mio ritmo, ci aspettano quattro poligoni e c’è tutto il tempo per recuperare anche nel caso si commettesse qualche piccolo errore al tiro“.

Lisa Vittozzi, quarta al traguardo: “Ormai non arrabbio più, sono tante gare che arrivo ad un passo dal podio, non posso essere contenta perchè ogni volta che sei lì davanti, pensi di arrivare al top. La costanza è importante, se poi la fortuna mi assistesse sarei anche più soddisfatta. Ci riproverò sin dall’inseguimento, parto con 25″ che è un distacco buono, spero di fare la stessa gara di Pokljuka e approfittare dell’occasione. Sugli sci mi sono sentita meglio rispetto a settimana scorsa“.