LaPresse/Reuters

LeBron James è tornato a parlare dell’addio di Kyrie Irving ai Cleveland Cavaliers: la stella dei Lakers ha spiegato che la scelta dell’ex playmker dei Cavs non è dipesa da un conflitto fra i due

Nei giorni scorsi, LeBron James non aveva usato mezzi termini nel definire l’addio di Kyrie Irving “l’inizio della fine dei Cavs”. Intervistato d The Athletic, il numero 23 dei Lakers è tornato sulla trade dell’attuale playmaker dei Celtics, spiegando che, contrariamente a quanto diversi rumor danno per certo, non è stata colpa sua se Irving ha chiesto la cessio: “non è un problema mio. Se è davvero andata così, allora non è un problema mio. Non mi sono mai sentito come se non volessi giocare con lui; l’unica cosa che ho provato a fare è stata dargli tutto ciò che potevo, e anche di più. […] Aveva ancora due anni di contratto, tienilo e prova a convincerlo. Guarda cosa succede e poi decidi cosa fare, invece solamente perché voleva andarsene lo si è mandato via”.