LaPresse/Reuters

Nick Kyrgios commenta la sconfitta contro Federer agli US Open con grande umiltà: il tennista australiano ammette di non aver mai vinto nulla in carriera e di dover migliorare ancora molto

Nick Kyrgios ci ha provato, semplicemente Roger Federer è stato più forte. Questa la sintesi della sfida degli US Open che ha messo di fronte il talentuoso tennista australiano al G.O.A.T del tennis mondiale. Nel post gara nessuna lamentela, Kyrgios ha accettato la sconfitta riconoscendo anche, con grande ed insolita umiltà, i propri limiti: “gli volevo dire che non era poi granché. No è stato fenomenale. Ce l’ho messa tutta per metterlo nelle condizioni di giocare colpi del genere. E ce l’ho fatta. Sono stato contento di me stesso. Lo posterò su Instagram. Ho già battuto Federer. So cosa bisogna fare. Non ci vuole uno scienziato. Oggi semplicemente non sono riuscito a farlo. Sono ormai sul circuito da quattro anni e non ho ancora fatto nulla. Penso di poter fare di più. È tutta una questione mentale per me. Se lo volessi potrei avere un coach e uno psicologo. C’è molto da fare. Voglio ottenere risultati migliori. Penso di non aver fatto nulla ancora”.