lewis hamilton
Photo4/LaPresse

Il pilota della Mercedes ha parlato in conferenza stampa della vittoria ottenuta a Monza, pungendo il pubblico italiano

Quinta vittoria a Monza per Lewis Hamilton, che eguaglia così Michael Schumacher per trionfi sul circuito italiano.

Hamilton
Lapresse

Una successo voluto e sudato quello di oggi, che permette al britannico di portarsi a più 30 su Sebastian Vettel. Intervenuto in conferenza stampa, il campione del mondo in carica ha parlato dello svolgimento del Gran Premio, pungendo il pubblico italiano: “è stata una gara dura, ma l’ho trovata anche molto godibile e questa stagione si sta rivelando una delle migliori vista la battaglia molto ravvicinata tra noi e la Ferrari. Oggi alla fine se guardiamo le gomme, Valtteri è stato fantastico. Ha allungato il suo stint permettendomi di avvicinare Kimi. Come abbiamo visto, nelle ultime quattro gare siamo stati leggermente dietro alla Ferrari. C’è voluto un lavoro di squadra per vincere e lo stiamo facendo, come non abbiamo mai fatto. Valtteri sta cercando di fare il lavoro migliore, siamo arrivati ad un punto in cui non lotta per il Mondiale e dunque ha capito che serve il suo aiuto per permettermi di vincere. Questo dimostra il tipo di uomo che è. Il team poi ha fatto un ottimo lavoro, alla fine anche io credo di aver dimostrato un buon stato di forma oggi. Non direi che la vittoria di oggi sia stata un miracolo, la negatività lanciatami addosso dai tifosi della Ferrari prima della gara mi ha dato tanta energia interiore. Il miracolo è stato questo, l’energia che mi hanno dato“.

Photo4/LaPresse

Hamilton poi analizza il contatto con Vettel: “è stata una battaglia intensa, alla curva 1 ho visto con sorpresa che Sebastian si è buttato a sinistra e ci siamo toccati. Alla quattro siamo arrivati insieme e ho visto che è passato all’esterno di Kimi e ho capito che quella era la mia opportunità. Andando all’interno sapevo di avere la possibilità di superarlo, lo spazio tra noi c’era. C’è stato un contatto e lui ha danneggiato la macchina così come me, ma sono stato in grado di continuare”.