LaPresse/Reuters

Samantha Stosur ha rivolto una pesante critica agli organizzatori degli US Open: il troppo caldo rende davvero difficile giocare

Esordio amaro per Samantha Stosur agli US Open. La tennista australiana ha perso all’esordio 3-6 / 2-6 contro Caroline Wozniacki. Una sconfitta tutt’altro che ‘umiliante’, visto che di fronte aveva la numero 2 al mondo, ma per la quale ha protestato a lungo. Il motivo? Il troppo caldo che ha reso davvero complicate le condizioni in cui giocare. La Stosur si è tolta più di un sassolino dalla scarpa in conferenza stampa: “era maledettamente caldo, ero fradicia di sudore da subito. Sì, ero in condizioni di giocare, ma era difficile là fuori. Tutti parlano di quanto faccia caldo a Melbourne, ma agli US Open è peggio. Da noi ci sono uno o due giorni veramente caldi, mentre qua sembra durerà molto di più, ma noi portiamo la cattiva nomea“.