LaPresse/Reuters

Azzurri arrivati a Legnica dove sono in palio i titoli continentali e i pass per i Giochi Europei di Minsk 2019

Dopo il raduno al Centro Tecnico Federale di Cantalupa la Nazionale azzurra è arrivata ieri a Legnica, in Polonia, sede del XXVI Campionato Europeo di tiro alla targa.

IL PROGRAMMA – Ieri, nella giornata dedicata al Congresso Elettivo World Archery Europe che ha visto la conferma di Mario Scarzella nelle vesti di Presidente per il quarto mandato, sul campo si sono svolti anche i tiri di prova non ufficiali. Oggi, lunedì 27 agosto, azzurri in campo per i tiri di prova ufficiali e la cerimonia di apertura. Domani, martedì 28 agosto le 72 frecce di ranking round per la divisione olimpica e compound che determineranno il tabellone degli scontri diretti individuali e a squadre. Mercoledì 29 giornata dedicata ai primi turni eliminatori individuali al mattino e alle eliminatorie di entrambe le divisioni a squadre nel pomeriggio fino alle finali per il bronzo. Giovedì 30 le eliminatorie individuali fino alle semifinali al mattino e gli scontri a squadre miste nel pomeriggio, comprese le sfide per il bronzo. Venerdì 31 agosto giornata interamente dedicata alla gara di qualificazione per la seconda edizione dei Giochi Europei di Minsk 2019: per la prima volta scenderanno in campo oltre agli atleti del ricurvo anche gli arcieri della divisione compound, inseriti nel programma della manifestazione internazionale. Sabato 1 settembre si disputeranno invece le finali che assegnano le medaglie e i titoli Europei: al mattine le sfide a squadre e individuale della divisione compound e nel pomeriggio finali individuali e a squadre del ricurvo. Domenica 2 settembre è previsto il viaggio di ritorno in Italia degli azzurri.
Le finali della manifestazione verranno trasmesse in diretta streaming e in differita su Eurosport.

GLI AZZURRI IN GARA – A giocarsi le medaglie e i pass per i Giochi Europei saranno nella divisione olimpica gli arcieri dell’Aeronautica Militare Mauro NespoliMarco Galiazzo e David Pasqualucci, campioni del mondo in carica, insieme alle iridate junior 2017 Lucilla Boari (GS Polizia di Stato – Fiamme Oro), Tatiana Andreoli (Arcieri Iuvenilia) e Vanessa Landi (Arcieri Montalcino).
Per la divisione compound scenderanno invece in campo Sergio Pagni (Arcieri Città di Pescia), Federico Pagnoni (Arcieri Montalcino), Elia Fregnan (Arcieri del Torrazzo), Marcella Tonioli (Arcieri Montalcino), Irene Franchini (Fiamme Azzurre) e Anastasia Anastasio (Marina Militare).
Per questi ultimi l’importante novità di potersi giocare in Polonia i pass per accedere alle gare individuali e mixed team dei Giochi Europei di Minsk 2019. Un primo passo che potrebbe essere preludio per vedere in futuro l’inserimento della divisione compound anche nel programma dei Giochi Olimpici.
Al seguito degli azzurri ci saranno il capo missione e Consigliere Federale Stefano Osele, il Direttore Tecnico Mauro Berruto, i tecnici dell’olimpico Wietse Van Alten, Matteo Bisiani e Ilario Di Buò, il tecnico del compound Flavio Valesella, il fisioterapista Andrea Rossi, il medico federale Arrigo Giombini e il preparatore atletico Jacopo Cimmarrusti.

L’ITALIA AI CAMPIONATI EUROPEI – Nell’ultima edizione dei Campionati Europei, svoltisi a Nottingham (Gbr) nel 2016, l’Italia ha conquistato il titolo continentale mixed team nel compound grazie alle frecce di Marcella Tonioli e Federico Pagnoni. Nel complesso, in 25 edizioni disputate, la prima nel 1968, l’Italia ha conquistato 14 titoli europei, ma sono numerosi anche gli argenti (23) e i bronzi (17) portati a casa dalle frecce azzurre tra podi individuali e a squadre.
Il primo podio è datato 1974: il bronzo della squadra maschile olimpica (Ferrari, Massazza, Spigarelli, Codispoti).
Per quanto riguarda i titoli, invece, nell’individuale olimpico hanno ottenuto l’oro nel 2002 Michele Frangilli e Natalia Valeeva, nel 2004 Marco Galiazzo (prima dell’avventura Olimpica di Atene che gli portò uno storico oro allo Stadio Panathinaiko). Nelle prove a squadre l’Italia è salita per la prima volta sul gradino più alto del podio femminile nel 1996 (Aldegani, Di Blasi, Fantato, Canali), mentre nel maschile ha vinto l’oro nel 1998 (Casavecchia, Di Buò, Frangilli, Bisiani) e nel 2008 (Di Buò, Galiazzo, Nespoli). Nel mixed team olimpico doppio oro consecutivo nel 2010 con Natalia Valeeva e Marco Galiazzo, alla prima edizione che prevedeva la squadra mista, e poi il bis nel 2012 con Natalia Valeeva e Mauro Nespoli.
I successi del compound hanno visto invece in cima al podio individuale Fabiola Palazzini nel 1998, Michele Palumbo nel 2002 e Sergio Pagni nel 2012. Nelle prove a squadre Italia è stata campione d’Europa nel maschile nel 1996 (Tosco, Ruele, Palumbo, Lops) e nel femminile nel 2006 (Solato, Salvi, Atorino). Nel misto compound l’Italia è invece campione uscente dopo l’oro del 2016 di Tonioli e Pagnoni.

L’ITALIA AI GIOCHI EUROPEI – Nella prima edizione dei Giochi Europei che si svolsero nel 2015 a Baku, in Azerbaijan, era prevista solo la divisione olimpica e l’Italia ottenne l’oro a squadre femminile con Natalia Valeeva, Elena Tonetta e Guendalina Sartori e l’oro mixed team con Natalia Valeeva e Mauro Nespoli. L’obiettivo degli azzurri è di raggiungere il pieno delle qualificazioni in vista dell’edizione 2019 che si disputerà in Bielorussia tanto nel ricurvo quanto nel compound.