Berardi
Foto Massimo Paolone./LaPresse

Svogliata e senza idee, l’Inter cade al debutto contro il Sassuolo che sorride grazie al rigore realizzato da Berardi

Se il mercato ha detto che l’Inter dovrebbe essere l’anti-Juventus, la prima giornata di campionato lo ha seccamente smentito. Lenti, svogliati e senza idee: gli uomini di Luciano Spalletti cadono sotto i colpi di un Sassuolo bello ed entusiasmante, che pare abbia già assimilato le idee di Roberto De Zerbi.

Sassuolo
Foto Massimo Paolone./LaPresse

Partita quasi a senso unico al Mapei Stadium, con i padroni di casa che giocano e gli ospiti che si difendono, provando a far male in contropiede. Un po’ poco per essere l’Inter, partita con i favori del pronostico e indicata come la squadra più attrezzata per poter mettere in difficoltà la Juventus. Lo aveva detto anche Spalletti in conferenza stampa, lo scudetto non è utopia, ma a guardare giocare i nerazzurri, la sensazione è completamente opposta. Peso offensivo inesistente e difesa distratta, l’esempio è il gol dei neroverdi, arrivato su un calcio di rigore letteralmente regalato da Miranda. Una situazione di gioco evitabile, che obbliga Icardi e compagni a inseguire fin dalla prima metà di gioco. Reazione? Inesistente, con l’unica palla gol degna di nota arrivata nel finale del secondo tempo, con un tiro da pochi passi di Icardi finito fuori di molto. Spalletti dovrà lavorare molto nelle prossime settimane, questa Inter rischia l’ennesima stagione fallimentare e, dopo un mercato del genere, le conseguenze sarebbero devastanti.