Lamar Odom
Icon SMI/LaPresse

Intervistato dal comico Kevin Hart, l’ex Lakers, Lamar Odom, ha raccontato il suo calvario patito mentre era in coma, svelando dei retroscena shock

Nel 2015 Lamar Odom ha lasciato l’intero mondo NBA col fiato sospeso. A causa della sua dipendendza dalle sostanze stupefacenti, l’ex Lakers è finito addirittura in coma. Fortuntamente il peggio sembra ormai alle spalle, ma Lamar Odom non dimentica le sofferenze patite in passato. Intervistato da Kevin Hart nel corso della trasmissione ‘Cold As Balls’, l’ex cestista giallo-viola ha raccontato un retroscena shock sul suo stato di coma: “ho superato totalmente la dipendenza. Ogni giorno che passa mi sento meglio: è sempre un bel giorno se sei vivo, considerando che l’altra alternativa è la morte. Se ho realizzato di essere stato vicino alla morte? Sì, tutti i medici che mi hanno visitato mi hanno detto che sono un miracolato. Durante il coma ho avuto 12 ictus e sei arresti cardiaci. Se Los Angeles ha influito? No, no. È stata tutta colpa mia. Ho preso delle decisioni sbagliate, questo è tutto. Sicuramente una delle ragioni per cui ho cominciato ad assumere drago è stata l’ansia: ho sempre sofferto d’ansia. Se ci pensi è pazzesco, perché mi sono guadagnato da vivere giocando davanti a 20.000 persone. Eppure ho sempre avuto problemi di ansia”.