LaPresse/Reuters

Kevin Love è tornato a parlare dei suoi frequenti attacchi di panico: il cestista dei Cavs ha svelato un brutto episodio accadutogli in passato

Kevin Love aveva già parlato in passato delle sue violente crisi di panico, ma ogni volta che il cestista dei Cavs torna a parlare dell’argomento le sue parole fanno venire i brividi. Intervistato a NBC Today, l’ex Minnesota Timberwolves ha parlato nuovamente dei suoi attacchi di panico, raccontando un episodio particolarmente grave: “ho avuto un momento in cui pensavo di morire, che fosse arrivata la fine. Non avevo mai provato una cosa del genere. Pensavo di avere un infarto. Il mio cuore ad un certo punto ha cominciato a battere velocissimo e io non sapevo cosa fare e ho cominciato a camminare per andare a prendere aria. Dopodiché mi sono steso per terra, quasi senza una ragione, e mi sono messo le mani come se volessi togliere qualcosa dalla mia gola. Senza un motivo. Ma non c’era niente. Ricordo solamente che Steve (Spiro preparatore atletico dei Cavs, ndr) ha urlato il mio nome mentre stava succedendo tutto”.