valentino rossi
AFP/LaPresse

Valentino Rossi tradisce un po’ di disappunto per il lavoro svolto a Misano e taglia corto sulal questione ‘scuse’ che la Yamaha espresso verso i piloti dopo le qualifiche in Austria

Il GP di Silverstone si avvicina e per la Yamaha i segnali non sembrano essere positivi. Mentre la Honda ha Marquez in testa al Motomondiale e la Ducati si gode il buon momento di forma di Jorge Lorenzo, per la Yamaha solo tanto lavoro alla ricerca dell’assetto migliore per la stagione. Valentino Rossi, pilota di punta della scuderia giapponese, ha tradito un po’ di disappunto dopo i test di Misano, nei quali è stato svolto tanto lavoro ma senza aver provato nuovo materiale utile a fare il salto di qualità nelle prestazioni. Tiene banco inoltre la questione ‘scuse’ della Casa di Iwata post qualifiche in Austria, sulla quale Valentino Rossi ha preferito tagliare corto: “a Misano abbiamo lavorato molto. E’ una delle gare più importanti e vorrei essere competitivo. Abbiamo provato diverse cose, anche Maverick è andato forte, quindi speriamo. Vediamo però a Silverstone se riusciremo a essere più veloci. Sapevo che a Misano non avrebbero portato tante cose nuove. Avevamo già fatto un test la settimana prima e le cose erano più o meno le stesse. Pensavo di usare il nuovo motore ma non era pronto. Lo proveremo la prossima volta. Iwata? E’ difficile capire cosa stia accadendo a Iwata dopo le scuse della Casa. Noi non sappiamo niente“.