petrucci
/ AFP PHOTO / FILIPPO MONTEFORTE

Danilo Petrucci e le sue sensazioni in vista del Gp di Gran Bretagna: le parole del pilota italiano sul prossimo appuntamento del campionato mondiale di MotoGp e sul suo futuro

Dopo l’incredibile vittoria di Jorge Lorenzo in Austria, il campionato mondiale di MotoGp arriva in terra inglese. Questo weekend si correrà infatti il Gp di Gran Bretagna. Sullo storico circuito di Silverstone domenica 26 agosto si terrà il dodicesimo round del Motomondiale, che vede attualmente leader della classifica piloti Marc Marquez. A commentare il suo weekend oltremanica, Danilo Petrucci che ha parlato anche del suo futuro prossimo a bordo delle Ducati ufficiale al posto di Jorge Lorenzo.

danilo petrucci
AFP/LaPresse

Sicuramente, dopo le prime tre gare della stagione sostituirlo era un’altra cosa – ha detto Petrucci a GpOne riferendosi a Jorge Lorenzo – Ora invece ha vinto 3 gare e lo ha fatto in maniera decisaHo ancora 6 mesi per imparare e posso farlo con meno pressione di quanta ne avrò il prossimo annoNon dimentico che sono a pochi punti da Vinales in classifica e non so quanti qualche mese fa avrebbero scommesso sul fatto che potessi giocarmi il 5° posto in campionato. Voglio fare bene, ma allo stesso tempo prendermela con calma per capire gli ultimi dettagli”.

Il pilota italiano non ha mai nascosto di studiare lo spagnolo che sostituirà l’anno prossimo in Ducati: “lo studio per capire come andare più forteIl problema è che a volte si fa fatica a comprendere come faccia a fare determinate cose. È indubbio che a volte riesca a fare la differenza, ma neppure i dati dicono come. È questione di dettagli, per esempio lui riesce a fermare la moto in pochissimo spazio, magari solo due metri prima, ma ti permettono di essere più veloce. Credo che sia quello che succedeva anche in Yamaha quando dominava”.

Qui ho fatto il mio primo podio, – ha continuato Petrucci parlando del tracciato di Silverstone – ma l’anno scorso era stata una gara difficile, lontano dai primi. Per me sarà un esame, come i GP di Brno e dell’Austria. Il nuovo asfalto dovrebbe avere eliminato le buche, che per erano un problema, e allo stesso tempo le temperature più basse dovrebbero attenuare i problemi di consumo di gomme. Allo stesso tempo potrei sfruttare il meteo incerto per puntare a qualcosa di più, non dico che desidero l’acqua ma di certo non la temo”.