dovizioso
AFP/LaPresse

Dovizioso non nasconde tutto il suo disappunto per quanto accaduto questo pomeriggio a Silverstone: le parole del forlivese della Ducati

Dopo un continuo slittamento è finalmente arrivata la comunicazione ufficiale, quella che però nessuno avrebbe voluto sentire: Il Gp della Gran Bretagna è stato ufficialmente cancellato a causa delle condizioni meteo avverse e dell’asfalto del circuito di Silverstone che non ha permesso ai piloti di gareggiare in condizioni di sicurezza. Una riunione improvvisata dei piloti in Safety Commission, al termine della quale si è deciso di annullare la gara.

andrea dovizioso
AFP/LaPresse

Giornata caotica su tutti i fronti, anche per quanto riguarda le ‘procedure’ di invito alla riunione in Safety Commission. Disappunto infatti in casa Ducati, in particolar modo dalla parte dei box di Andrea Dovizioso, che non è stato informato della riunione: “non ho capito bene cosa è successo, come e perchè, io non sono stato chiamato alla riunione, non credo sia stata organizzata una riunione per piloti, credo che alcuni piloti sono voluti andare a dire la propria opinione e di conseguenza si sono aggiunti altri piloti, credo sia andata così non sono sicuro e mi sembra una cosa abbastanza strana. Non è stata organizzata una riunione tra piloti, secondo me bisognerebbe organizzarle meglio queste cose, se è andata veramente così, indipendentemente credo che le condizioni per correre non ci fossero, è stato fatto un po’ di casino, ieri è stato cambiato l’orario, sembrava che dovessimo aspettare fino alle 7 di sera per fare una gara e da un momento all’altro la cosa non è andata così, non punto il dito contro nessuno ma è un po’ strano dai“, ha affermato ai microfoni Sky.

dovizioso
AFP/LaPresse

Sono io il primo a dirlo che essere pronti dalle 10 del mattino e correre alle 6 di sera c’è di mezzo la concentrazione, è un po’ particolare, non è questo il punto, non dipende da noi, questi aspetti non dipendono da noi ma bisogna organizzarsi meglio in queste cose qui sicuramente“, ha continuato il forlivese della Ducati prima di commentare le parole di Marquez: “l’ha girata un po’ come gli veniva comodo, ma secondo me la gestione non è stata giusta, non metto in dubbio la decisione, non c’erano le condizioni neanche secondo me io parlavo di altro e bisogna migliorare certe cose che non funzionano benissimo“.