loris capirossi
AFP/LaPresse

Loris Capirossi fa il punto della situazione sulla riunione in safety commission di questo pomeriggio a Silverstone, durante la quale è stato deciso di cancellare il Gp della Gran Bretagna

Il sabato di qualifica di ieri a Silverstone aveva preannunciato una domenica complicata, caotica e insolita. La gara di MotoGp è stata anticipata dalle 14.00 alle 12.30, a causa delle condizioni meteo avverse in Gran Bretagna, ma la pioggia non ha dato tregua e, nonostante qualche momento più ‘soft’, le condizioni del circuito di Silverstone, che non drena e che presenta diverse buche e avvallamenti che creano pericolosissime pozzanghere d’acqua, non è stato possibile per i piloti scendere in pista.

Condizioni di sicurezza assenti e gara annullata dopo una riunione dei piloti in safety commission, che sta però facendo discutere. Nessuno sembra infatti che abbia avvisato la Ducati: Andrea Dovizioso infatti non è stato presente alla riunione e non ha nascosto tutto il suo disappunto a riguardo. Così come il team manager Davide Tardozzi che non è stato avvisato della riunione.

capirossi
AFP/LaPresse

In conferenza stampa Loris Capirossi ha cercato di fare un po’ di chiarezza: “abbiamo organizzato una riunione per capire quale fosse la situazione dei piloti che già stamattina ci hanno detto che c’era tanta acqua ovunque, ogni mezz’ora abbiamo fatto più giri per verificare se la situazione stesse migliorando, ma non è mai migliorata anche quando pioveva poco. Non era il modo giusto per gareggiare oggi. La decisione viene anche dai piloti non c’è la sicurezza per questo problema dell’aquaplaning“.

Non so perché Andrea (Dovizioso, ndr) non ci fosse, la nostra intenzione è quella di ascoltare tutti i piloti, per noi come sempre la cosa più importante è la sicurezza, abbiamo rimandato e rimandato alla ricerca di una soluzione. Tardozzi non è stato avvisato? Non so allora perchè Lorenzo fosse lì, non è compito mio informare i singoli piloti ma sono sicuro che l’informazione è stata passata, abbiamo informato tutti attraverso i team manager”, ha concluso