romano-albesiano-aprilia

Romano Albesiano tira le somme di una stagione deludente per l’Aprilia in MotoGp, il direttore tecnico pensa già all’anno prossimo con Andrea Iannone

Stagione deludente per l’Aprilia in MotoGp La casa motoristica con in sella Alexis Espargarò e Scott Redding, nell’ultimo appuntamento del Motomondiale, ha mostrato tutti i suoi deficit in tema di gomme ed elettronica, finendo con entrambi i suoi piloti fuori dalla zona punti. In vista della prossima stagione, però, il team italiano si sta attrezzando per fare meglio. Tra le altre novità, quella di maggior rilievo, è il colpo di mercato che ha visto la scuderia veneziana far firmare un contratto ad Andrea Iannone, pronto a darci dentro nel 2019. A questo proposito, dalle pagine di ‘Gazzetta dello Sport’, spuntano le parole del direttore tecnico e team manager dell’Aprilia, Romano Albesiano.

L’errore principale è stato di puntare su un giovane mentre non eravamo pronti a livello di moto. – ha spiegato Albesiano, riferendosi a Scott Redding – Il problema non è stato sostituire loro due, Aleix appena salito sulla moto ha tolto 1”, ma avere nel box un altro pilota esperto sarebbe stato meglio. Per certi versi ne paghiamo ancora le conseguenze”.

La stagione di Scott va interpretata. – ha continuato  – È partito con grosse difficoltà di adattamento alla moto. Ma abbiamo lavorato molto e se guardiamo la prestazione cronometrica abbiamo raggiunto o superato i risultati dell’anno scorso. Quello di Scott in Austria è stato un momento di black out, nel quale si è lasciato andare a cose spiacevoli  Ma si è scusato e la cosa si è chiusa lì, con una sanzione a suo carico”.

Poi, sull’inserimento di Iannone nel team, il direttore tecnico ha dichiarato: “faremo uno step importante a tutti i livelli. Sento parlare di Aprilia che si impegna poco e chissà quanto andrà avanti, ma è esattamente il contrario. L’azienda ci viene dietro, ci crede, è appassionata di MotoGP e con Iannone l’asticella si alzerà a tutti i livelli”.