marchisio
LaPresse/Daniele Badolato

Marchisio lascia la Juventus dopo un’intera carriera passata in maglia bianconera: nelle parole del padre si vede l’amarezza di un addio ‘obbligato’

Una delle ultime bandiere del calcio italiano, forse fin troppo sottovalutato. Dopo 25 anni passati con la maglia della Juventus, nella quale è arrivato da bambino ed è diventano principe e pluricampione d’Italia, Claudio Marchisio, nella prossima stagione, non vestirà la maglia della Vecchia Signora. Una scelta di certo non ‘voluta’ dal giocatore, ma dettata dalle circostanze: troppa la concorrenza a centrocampo che lo ha fatto finire ai margini della rosa già dalla scorsa stagione. Il cambio di modulo e la scelta di giocare a 2 in mediana, l’arrivo di Emre Can, la lotta per un posto con il giovane Bentancur, il campione del mondo Matuidi e gli inamovibili Khedira e Pjanic sembrava impossibile. E Marchisio si sente ancora un giocatore utile alla causa di qualsiasi squadra. Un addio amaro, come si evince dalle parole del padre del giocatore: “siamo molto dispiaciuti, ma preferisco non parlare di quello che è successo. Ora dobbiamo iniziare un nuovo cammino. Stamattina Claudio ha salutato la Juventus, tifosi e compagni ed è pronto per una nuova avventura Ho ricevuto centinaia di telefonate in questi giorni, ma ho voluto aspettare. Ora valuteremo le proposte e cominceremo questo nuovo percorso”.