Ancelotti
Ancelotti - Foto Twitter Napoli

Carlo Ancelotti commenta il match tra il suo Napoli e la Lazio, buona la prima sulla panchina della squadra partenopea per l’allenatore emiliano

Le prime due partite della prima giornata di campionato assegnano tre punti alle due squadre che l’anno scorso si giocarono lo scudetto. Dopo la vittoria della Juventus al 93° contro il Chievo, arriva infatti anche il trionfo del Napoli contro la Lazio. Il 2-1 rifilato dalla squadra partenopea al club di Inzaghi, però non soddisfa del tutto Carlo Ancelotti, che ammette nel post partita gli errori dei suoi.

L’allenatore a ‘Gazzetta dello Sport’ confessa: “grande reazione dopo un inizio timido e passivo, ma possiamo velocizzare il gioco. Non nego che ci fosse pressione dopo il k.o. col Wolfsburg. C’era paura di sbagliare. Abbiamo iniziato poco aggressivi, fino al gol della Lazio. Poi la rete subito ci ha svegliato, abbiamo preso il controllo del gioco e fatto molto bene. Nella ripresa abbiamo avuto un buon controllo, il ritmo non è stato elevato ma è la prima giornata e la condizione migliore arriverà più avanti. Riguardando il gol di Immobile l’errore nostro è stato notevole. Tre difensori contro un solo attaccante. E tutti e tre che coprono il lato esterno del campo. Beh sì, avrei voluto ammazzarli in quel momento… Ma poi ho pensato che sono belli grossi e non sarebbe stato il caso”.

“Io ho fiducia in tutti, la scelta è stata su questi 3, e hanno dato il loro contributo. Allan di sostanza, ma è stato bravo anche Zielinski negli inserimenti e Hamsik nella gestione del gioco. – ha continuato Ancelotti – La rosa di centrocampisti è valida. E sappiamo che dobbiamo migliorare tutti. A volte il gol ti cambia in peggio, invece mi è piaciuta la reazione. Nelle difficoltà ho visto sacrificio, nessuno ha mollato e questo è stato positivo.  Le risposte arrivano da tutti, vogliamo tenere le cose buone dell’anno scorso, velocizzando il gioco lì davanti. Milik e Insigne hanno fatto gol, Callejon è entrato in occasioni importanti. Tranne la prima parte poi i movimenti sono stati fatti bene. Dite che abbiamo avuto paura di vincere nel finale? No, ho visto voglia di vincere. Potevamo gestire meglio delle ripartenze, ma al di là dell’angolo non abbiamo sofferto tanto”.