All-Star Game dell'MLS, sarà la Juventus l'avversaria dei campioni americani nella prossima estate: le parole di Agnelli
LaPresse/Daniele Badolato

Il vice-presidente bianconero ha fatto il punto sul momento della Juventus, soffermandosi sui nuovi acquisti, tra cui Ronaldo

‘Gli obiettivi della Juve non cambiano mai. Quello che conta per noi è vincere ogni partita, lo vogliamo dimostrare fin dalla partita con il Chievo”. Lo ha detto il vice presidente della Juventus Pavel Nedved a pochi giorni dall’inizio del campionato che i bianconeri proveranno a vincere per l’ottava volta di fila, anche grazie all’aiuto del 5 volte pallone d’oro Cristiano Ronaldo.

Juventus nedved
LaPresse/Fabio Ferrari

Con il suo arrivo è ulteriormente confermato il passo avanti della Juve fra le big d’Europa – sottolinea Nedved a Juventus Tv che siamo riusciti a portare Ronaldo qui alla Juve è una cosa eccezionale, ci darà qualcosina in più per il futuro, anche per tutto il calcio italiano. Di Emre Can se ne parla pochissimo, ma è stato un colpo importante da parte della dirigenza. Lo volevano tutte le big d’Europa e siamo riusciti a prenderlo noi. E’ un giocatore che dà tantissima sostanza, perfetto tatticamente e tecnicamente. E’ un tipico tedesco che sa giocare bene la palla, vedrete che sarà molto importante per la squadra. Cancelo è un colpo importante, ho visto pochi giocatori che si sono inseriti nella Juve con la sua personalità, con la sua tecnica e con la sua vivacità. Credo che sarà importante in questa stagione, soprattutto in Europa”.

LaPresse/Belen Sivori

Il vice presidente della Juve torna poi sulla giornata di ieri a Villar Perosa: “l’ho vissuta già tante volte quest’atmosfera. E’ una sensazione bellissima, unica. Qui devi capire cosa significa la Juventus, quando sei un nuovo giocatore. E’ una giornata speciale, i tifosi qua sono calorosi, ogni giocatore nuovo che arriva capisce subito di che pasta sono fatti. Sono contento di trascorrere questa giornata insieme alla famiglia Agnelli ed Elkann, loro sono la Juve. Il discorso del presidente? Da giocatore provavo dei brividi, sapevo cosa significava la famiglia Agnelli in Italia e per la Juve. Ti dava molta carica. E’ speciale essere qua, tutti i giocatori lo sentono dal primo giorno”. (ADNKRONOS)