Roger Federer
AFP PHOTO

Dopo la sconfitta a Cincinnati, Roger Federer non crede di essere il favorito per il successo agli US Open: il ‘Re’ è sincero o si tratta solo di pretattica?

La sconfitta di Cincinnati ha minato le certezze di Roger Federer o si tratta solo di pretattica? Le dichiarazioni fatte dallo svizzero ad una settimana dagli US Open hanno messo in allarme i fan: Federer si è tolto dal lotto dei favoriti, ponendosi un gradino più in basso di Nadal e Djokovic, vincitore nella finale del Masters 1000 americano di domenica notte. Federer ha ammesso: “penso che sarà un finale di stagione molto eccitante. E’ bello vedere che Novak è tornato, Milos Raonic ha giocato di nuovo un grande tennis, Stan Wawrinka sembra di nuovo solido. Lo stesso Kei Nishikori. Questi sono tutti ragazzi che sono mancati per nove mesi o giù di lì. Quindi sarà divertente. Non mi sento favorito: Nadal e Djokovic lo sono, secondo me. Sono felice che il mio livello sia lì. Ho solo bisogno di capire il mio gioco, abituarmi a palle diverse. E’ sempre bello quando giochi con palline diverse qua e là. Sarà qualcosa su cui lavorerò. Devo solo avere un sacco di energia e poi spero di avere anche una possibilità dopo 10 anni di fare qualcosa di speciale agli US Open. Sarà un torneo interessante”.