Stefano Porta/LaPresse LaPresse/Stefano Porta

Sebastian Vettel sicuro e concentrato esclusivamente sul lavoro Ferrari: le parole del tedesco del team del Cavallino in conferenza stampa a Monza

L’attesa è finalmente terminata: è ufficialmente iniziato il weekend del Gp d’Italia e dopo lo spettacolo di ieri a Milano i piloti sono finalmente a Monza per incontrare i tifosi e la stampa e raccontare le sensazioni con le quali arrivano a questo nuovo appuntamento della stagione 2018 di F1.

vettel
Photo4/LaPresse

Se Kimi Raikkonen è stato al centro dell’attenzione per il suo futuro non ancora annunciato, Sebastian Vettel è stato tempestato di domande grazie anche alla sua vittoria di domenica scorsa a Spa: “alla fine è stata meno dominante di quanto non si possa pensare la gara di Spa, ma credo che abbiamo fatto bene ed è stato bello vedere quanto la nostra macchina è stata in grado di migliorare, abbiamo portato aggiornamenti, un nuovo motore e vedremo perchè Monza per alcuni punti è simile a Spa ma è una pista che ha curve oltre che rettilinei che possono fare la differenza, ricordo di aver fatto gare belle qui in passato con bellissimi podi, ma vogliamo più di un podio certo e vedremo cosa riusciremo a fare a partire da domani, cercando di trovare il ritmo per il weekend“, ha esordito il tedesco in conferenza stampa .

vettel
Photo4/LaPresse

La prima vittoria qui a Monza per me è stata travolgente da molti punti di vista, non me ne sono reso conto in quel momento, guidavo un team italiano, avevo un motore ferrari, non era male, ma tre anni dopo ho vinto con altri colori e non erano più tanto contenti e quindi mi chiedevo come mai, ma è ovviamente la storia di Monza, nel cuore dell’italia. Voglio ovviamente vincere con la Ferrari qui, altri ci sono riusciti prima di me e io voglio unirmi a questo club. Pressione? Non so, se vinci ovviamente fai più punti degli altri e questo aiuta sempre, ovviamente qui per noi della Ferrari è una storia diversa quindi è una gara isolata rispetto al resto dell’anno, siamo in Italia, il paese della Ferrari e credo che per tutti, non solo per noi piloti della Ferrari c’è la possibilità di sentire che c’è qualcosa di speciale, ci sono tanti piloti che attendono questo Gp in modo speciale, ieri abbiamo iniziato con l’evento a Milano e vedere l’entusiasmo della gente è qualcosa di eccezionale, non vedo l’ora di salire in macchina per provare lo stesso feeling dello scorso weekend, la macchina è andata bene e vedremo di farla andare bene anche qui“, ha continuato Vettel prima di rispondere a chi gli ha chiesto come mai nessuno, dopo la vittoria in Belgio, abbia ricordato Sergio Marchionne, scomparso recentemente: “non è giusto dirlo, noi siamo ben consapevoli di quanto contasse, conoscendolo so che era un grande sostenitore, era sempre interessato a guardare avanti. A un certo punto le cose vanno lasciate in pace e guardare avanti, è un gesto di rispetto che avrebbe fatto anche lui”.

Incedente per Sebastian Vettel al F1 Milan Festival
Stefano Porta/LaPresse

Carico e motivato, concentrato esclusivamente sul lavoro del suo team, Vettel ha ammesso di non interessarsi di quanto accade in casa Mercedes: “è bello poter essere un avversario degno della Mercedes, loro hanno avuto un dominio di motore negli ultimi anni e questo la gente ogni tanto lo dimentica. Ora è bello che loro ci riconoscano come migliori, ma dobbiamo confermarlo in pista già da Monza e non dare nulla per scontato, lavorare sodo per ottenere i migliori risultati. Credo che noi conosciamo la nostra macchina meglio di tutti, ci sono tante persone che stanno saltando sul carro dicendo quanto è forte la nostra macchina, ma noi sappiamo come vanno le cose, sappiamo di avere una grande macchina un’ottima macchina che più o meno funziona bene un po’ in tutte le piste, in alcune meglio in altre un po’ meno, sappiamo di avere un buon pacchetto ma non possiamo sederci sugli allori, dobbiamo mettere tutti insieme i pezzi del puzzle, noi guardiamo avanti sappiamo di dover fare il nostro lavoro, non vedo l’ora di salire in macchina ed è una bellissima sensazione salire in macchina e saper di poter lottare per le migliori posizioni. Per essere sincero io non sento nulla riguardo la Mercedes, penso solo alla Ferrari, particolarmente in questo weekend perchè me lo voglio godere, dobbiamo cercare di batterli e per farlo dobbiamo essere migliori di loro, n che condizioni loro siano devono dirlo loro“.

vettel
Stefano Porta/LaPresse
LaPresse/Stefano Porta

Infine sulle parole di Hamilton riguardo ai ‘trucchetti’ usati dalla Ferrari per vincere a Spa, Vettel ha concluso: “credo che lui abbia già spiegato in conferenza stampa che non doveva essere interpretato nel modo sbagliato, per quello che ci riguarda la legalità della nostra macchina è confermata dalla FIA, ci sono svariate verifiche durante il weekend per dimostrarlo, quindi se va bene a loro va bene a tutti, noi dobbiamo tenere la testa giù“.