VETTEL
LaPresse

Quest’oggi a Monza, Louis Camilleri ha tenuto la sua prima conferenza stampa come amministratore delegato della Ferrari: tanti i temi caldi toccati dall’ad della scuderia di Maranello

Il nuovo amministratore delegato della Ferrari, Louis Camilleri, ha tenuto quest’oggi la prima conferenza stampa come n°1 della scuderia del Cavallino nella splendida cornice del GP di Monza. Il sostituto del compianto Sergio Marchionne ha risposto alle domande dei media con grande tranquillità, senza alzare i toni o lanciarsi in proclami per il presente o il futuro della Ferrari. Molto emozionato, Camilleri ha toccato comunque diversi punti importanti legati alla scuderia di Maranello, dai paragoni con Marchionne al ruolo di Vettel, passando per il mercato piloti e il futuro di Raikkonen: “è una sensazione fantastica essere al paddock. Se me lo avreste detto 4 settimane fa che oggi sarei qui a Monza come CEO della Ferrari le avrei risposto se avesse fumato qualcosa. Ho sempre amato Monza, non voglio far arrabbiare i responsabili di altre piste ma è sempre stato il mio Gp preferito, non credo di essermene mai perso uno. Essere qui in Italia a Monza, circuito nel quale credo si sia iniziato a corre nel 1922, dà il senso della storia e il rapporto della Ferrari con Monza risale al primo giorno. È una sensazione fantastica ed un’enorme responsabilità. Come sarà la mia Ferrari? Non molto differente. Sergio (Marchionne) e io abbiamo le stesse ambizioni. In passato abbiamo parlato a lungo. Forse gli stili sono differenti, ma l’ambizione è la stessa. Raikkonen o Leclerc per il futuro? Non abbiamo ancora preso una decisione, vorrei dire che voi sarete i secondi a saperlo. Ci vuole così tanto tempo perchè non è una decisione semplice. Decideremo al momento giusto e saprete quando prenderemo la decisione, lo faremo al momento giusto, non è una decisione facile. Conosco molto bene Raikkonen. È un caro amico e da molto tempo. La decisione sul suo futuro è in corso, è una sarà una decisione di squadra che alla fine prenderà Maurizio, il nostro team principal, ma ne parleremo insieme. Accordo Cristiano Ronaldo Ferrari? C’è un Ronaldo in F1 e lo abbiamo già: il suo nome è Seb. Contatti con Alonso? Non da quando ci sono io, e non credo ci siano stati nei mesi precedenti”.