Juventus-Napoli è alle porte ed il sindaco partenopeo Luigi de Magistris è intervenuto in merito alla decisione di vietare la trasferta ai tifosi campani
LaPresse/TanoPress

Dopo l’attacco di Luigi de Magistris al Napoli, arriva la replica del club partenopeo: il duro attacco della squadra di De Laurentiis al sindaco

C’è una sola persona che conduce ‘reiterati ed offensivi attacchi alla città e ai napoletani’, ed è, purtroppo, il suo sindaco”. Inizia così un lungo comunicato con il quale la Società sportiva calcio Napoli risponde alle dichiarazioni del sindaco di Napoli Luigi de Magistris il quale, si legge nella nota pubblicata sul sito ufficiale del club, “anziché provare a rimediare agli innumerevoli disastri amministrativi della sua gestione (dal sudiciume di una città invasa dai rifiuti alla incapacità di vendere i beni pregiati del patrimonio disponibile, salvo consentire alla partecipata Mostra d’Oltremare di svendere l’Arena Flegrea), dal disastro dei trasporti pubblici, perpetrato al cospetto di turisti inorriditi da un simile livello di inefficienza, alla incapacità di chiudere i cantieri, come il recente caso di via Marina dimostra con irrefutabile e imbarazzante evidenza; e si potrebbe continuare a lungo, trova il tempo per polemizzare, con querula civetteria, con il presidente della Società Sportiva Calcio Napoli, strizzando l’occhio alla sedicente curva B, espressione usurpata in deliranti comunicati da frange opache e discusse della tifoseria, da cui la società ha da tempo preso le distanze e che certamente non rappresentano i tantissimi tifosi per bene e corretti che affollano lo stadio, compresa detta curva, a sostegno della squadra”.

Secondo il Calcio Napoli, “il sindaco di Napoli mette in pratica una tecnica collaudata: per nascondere inadempienze, ritardi e omissioni imputabili alla sua cattiva amministrazione anche sul tema dello stadio (basti pensare al caso dei seggiolini, che tre anni fa un Comune in sostanziale dissesto millantava di realizzare con il fantomatico ricorso al Credito Sportivo, salvo essere con ignominia sbugiardato dai fatti e costringere il Napoli a indicare ogni anno cautelativamente lo stadio palermitano per iscriversi al campionato e disputare le partite di coppa), prova a spostare l’attenzione e a fomentare critiche e dissenso verso la società e il suo presidente, creando divisioni forzate e artificiose che certamente non contemplano, tra gli obiettivi, il bene della squadra e il suo successo”. (Zca/Adnkronos)