Massimiliano Allegri ha parlato dopo la vittoria della Juventus in Coppa Italia, un po' stizzito da alcune domande sul suo futuro
Foto LaPresse - Tano Pecoraro

Massimiliano Allegri ha analizzato l’importante incontro di domani tra la sua Juventus e la Lazio di Inzaghi, con Cristiano Ronaldo che sarà in campo

Massimiliano Allegri ha parlato stamane in conferenza stampa, in vista del delicato incontro di domani pomeriggio contro la Lazio del collega Inzaghi. “Domani mi aspetto grande entusiasmo. La Lazio l’anno scorso ci ha battuto all’Allianz Stadium dopo 41 vittorie. Sarà una partita vera, complicata e importante, anche se solo la seconda di campionato. E’ una squadra fisica e ben guidata. Gioca molto sulle ripartenze perciò bisognerà fare una partita molto attenta”. Allegri mette in allerta tutto l’ambiente bianconero, la Lazio è avversaria tosta.

Sull’inserimento di CR7, Allegri vede progressi: “Domani ci saranno miglioramenti nell’intesa tra centrocampisti e attaccanti e ciò aiuterà sicuramente Cristiano Ronaldo, saranno importanti anche gli innesti dalla panchina. Anche con il Chievo chi è entrato dalla panchina è stato determinante, come è successo nella scorsa stagione, ed è fondamentale che sia così soprattutto in queste prime giornate. Cristiano in questo momento gioca titolare, ma ricordatevi che i nostri attaccanti sono quelli della rosa con meno minuti nelle gambe e vanno gestiti. La stagione è lunga. Cristiano puo’ giocare in diversi modi ma va sfruttato per le sue caratteristiche, così come tutti gli altri giocatori. Il modulo poi viene di conseguenza. La semplicità è la cosa migliore, ma anche la più difficile”. Sulla formazione, ancora indeciso Allegri che lascia aperta ogni ipotesi sul modulo da adottare contro la Lazio, possibile anche la difesa a 3 con Barzagli inserito sul centro-destra. “Cancelo sa fare inserimenti da mezz’ala. E’ un ragazzo di qualità che sa tirare fuori cose importanti, ma è giovane e deve migliorare soprattutto in fase difensiva. A. Sandro deve pretendere di più da sé stesso. A Chievo non c’è stata partita, abbiamo tirato 26 volte in porta, ma nel calcio puo’ succedere di tutto. Gli errori di sabato ci aiutano a drizzare le antenne per trovare più solidità. Non so ancora se Dybala giocherà”, conclude.