Nibali si mette sotto! Busto, elettrostimolazione e piscina: la ‘ricetta’ di Vincenzo per arrivare pronto alla Vuelta

Vincenzo Nibali e la sua riabilitazione dopo la frattura della vertebra durante il Tour de France, lo Squalo dello Stretto lavora per rimettersi ‘in forze’ in vista della Vuelta

Scatta il conto alla rovescia per Vincenzo Nibali. Il corridore della Bahrain-Merida conta infatti i giorni che lo rivedranno in forze, pronto per correre la Vuelta a España 2018. Dopo la caduta sull’Alpe d’Huez, che ha condannato lo Squalo dello Stretto all’addio al Tour de France, il ciclista messinese vuole tornare a bordo della sua bici rispettando il calendario di stagione che aveva preventivamente programmato. La partenza della corsa spagnola, il 16 settembre, è perciò la data da fissare sul calendario per il recupero totale della frattura alla vertebra rimediata alla Grande Boucle.

Sono andato a prendere il busto – ha detto Vincenzo Nibali sabato sera alla Gazzetta dello Sport -. Lunedì (domani, ndr) farò tutti gli esami del caso. Ho trovato un bel centro a Lugano (si chiama ‘Rehability Lugano’, ndr),con un ragazzo che ci lavora veramente preparato. Penso che possano darmi un grande aiuto”.

Una tabella di marcia che promette bene e che dopo la delusione francese al Tour, spera di rivedere Nibali a bordo della sua bici già in Spagna.  Anche il dottor Emilio Magni, medico della Bahrain-Merida, lavora in questa direzione ed ammette: “Vincenzo  si è dotato di un busto a tre punti, C35, che serve a mantenere la fisiologica curvatura della colonna vertebrale. Sostanzialmente, deve portarlo quando sta in piedi. Lunedì (domani, ndr) lo attende una risonanza magnetica che ancora non aveva fatto, a Grenoble era stata effettuata invece una Tac in regime di pronto soccorso. Sarà importante perché la considereremo il punto di riferimento quando tra 20 giorni circa andremo a rifarla per valutare l’evoluzione della frattura”.

Per Nibali inoltre sono previste delle sedute di elettrostimolazione agli arti inferiore e attività in piscina, per non perdere il tono muscolare. L’osteopata di fiducia di Vincenzo al contrario non è stato ancora chiamato in causa, Gianluca Carretta però potrebbe rendersi necessario per il recupero del ciclista tra qualche settimana.