LaPresse/Photo4

L’ex pilota campione del mondo ha risposto per le rime ad Hamilton, parlando di decisione ad hoc dei commissari di gara a Silverstone per favorirlo

Una gara dalle mille sfaccettature quella andata in scena ieri a Silverstone, la vittoria di Vettel è stata accompagnata da mille polemiche che hanno coinvolto Hamilton e la manovra di Raikkonen.

Hamilton
Photo4 / LaPresse

Accuse, quelle lanciate dal britannico all’indirizzo della Ferrari, che non sono piaciute a Jacques Villeneuve, il quale ha replicato per le rime al campione del mondo, sganciando una bomba clamorosa. “Non c’è logica nella penalità inflitta a Raikkonen, l’incidente era uguale a quello tra Vettel e Bottas. Solo che qui c’è Hamilton, in Inghilterra e lotta per il campionato, e hanno giudicato così. E lì è sbagliato, ci deve essere una penalità uguale per tutti o niente per nessuno. Non c’entra nel valutare la penalità, non il posizionamento in pista dopo il contatto. Non c’è stata ad esempio alcuna decisione per il contatto tra Sainz e Grosjean, ed era identico”.

Villeneuve poi rincara la dose: “Hamilton sbaglia, lui ha perso la gara pattinando in partenza. L’aveva già passato Vettel e non lo prendeva più, l’aveva anche passato il suo compagno di squadra. La gara l’aveva già persa lì, poi quello che è successo con Kimi è successo solo perché è partito malissimo. Non è stato fatto apposta. Raikkonen non poteva sterzare di più, lì si vede Lewis all’esterno che lascia spazio, però non rimane largo, rimane interno. Non penso che poteva sterzare di più. Quando tu sei conservativo, apri la porta agli altri che sono aggressivi. Kimi era partito bene, ha dovuto alzare il piede. Hamilton ha evocato complotti, ma nelle altre gare mettevano la VSC, qui la SC dato che doveva recuperare”.