Tpl: il 5 giugno primo convegno Asstra su servizi disabilità

Roma, 1 giu. (AdnKronos) – Asstra, l’associazione nazionale maggiormente rappresentativa delle imprese che gestiscono il servizio di trasporto pubblico locale in Italia, apre una stagione nuova per il settore tpl all’insegna di un cambio culturale fondato sulla formazione del personale (innanzitutto il personale a diretto contatto col pubblico), informato da alcuni principi basilari messi a fuoco nella Convenzione ONU sui diritti umani in merito all’inclusione e alla parità di accesso e dal regolamento Europeo sui diritti dei passeggeri (Regolamento 181/2011). L’associazione ha organizzato per il 5 giugno prossimo il primo convegno sull’accessibilità e i servizi per la disabilità nel trasporto pubblico locale, che si terrà a Roma.
A valle di questi interventi di indirizzo e normativi, si afferma un rovesciamento radicale di prospettiva: non si guarda più alla disabilità come ad una invalidità ma si afferma invece la necessità di rimuovere tutti gli ostacoli che impediscono, a chiunque, di fruire in condizioni paritarie di ogni aspetto della socialità. Da qui si arriva per via diretta al cuore del diritto alla mobilità e quindi del servizio di trasporto pubblico. La platea delle persone coinvolte, in questa ottica, si allarga in linea di principio ai milioni di passeggeri, circa 15 per l’esattezza, che ogni giorno prendono i mezzi pubblici nel nostro Paese.
In apertura del convegno, la presentazione dell’accordo siglato da Asstra con le federazioni rappresentative dei cittadini con disabilità, Fand e Fish, Seguirà l’intervento di alcune imprese di TPL che presenteranno le proprie iniziative più rilevanti sul tema. Le conclusioni avverranno all’interno della tavola rotonda con i principali attori coinvolti che confronteranno le rispettive posizioni e priorità di intervento. ‘Devo dire che siamo molto colpiti da quanto di positivo per l’inclusione è stato già messo in moto nel nostro settore da alcune imprese. Questo è molto significativo e ci sprona a proseguire su questa strada, perché è la strada maestra della qualità che avvicina sempre più il trasporto pubblico alla sua ragion d’essere in quanto servizio essenziale per i cittadini”, dichiara Massimo Roncucci, presidente di Asstra.