MotoGp – Valentino Rossi severo ma sorridente: “penso di aver fatto un buon lavoro, ma adesso devono aiutarci!”

Valentino Rossi, il terzo posto del Mugello e i problemi Yamaha ancora irrisolti: il Dottore lancia un messaggio ai giapponesi della Yamaha

Una doppietta Ducati speciale che fa sognare il team di Borgo Panigale. Al Mugello la festa è… rossa, grazie alla vittoria di Jorge Lorenzo e al secondo posto di Andrea Dovizioso, seguito sul podio da Valentino Rossi. Il maiorchino della Ducati è riuscito a trovare la sua prima vittoria in sella alla Desmosedici, dimostrando di poter e saper vincere anche con la Ducati, nonostante le voci delle ultime settimane che hanno fatto intendere un imminente addio. Fantastico risultato per Valentino Rossi, che a 39 anni conquista un podio speciale che gli permette di balzare al secondo posto nella classifica generale a 23 punti da Marquez, caduto in curva 10 a 19 giri dal termine.

valentino rossi
/ AFP PHOTO / FILIPPO MONTEFORTE

Nonostante i due podi consecutivi, le problematiche Yamaha non sono però ancora risolte e il Dottore lo sa bene: “è stato fantastico, il feeling sul podio è davvero speciale, vale la pena correre tutto l’anno per essere sul podio al Mugello. E’ stata una gara difficile, abbiamo corso con la hard davanti ed è stata dura, la moto si voleva chiudere in tutte le curve, è stata cruciale la pole di ieri perchè sono riuscito a partire con Jorge lì, c’è stato un momento della gara che ho sofferto tanto ma alla fine c’è stata una piccola speranza, per battere Iannone negli ultimi giri ho dovuto pensare a tutti gli sforzi per salire sul podio questa settimana e ho detto ‘stavolta non mi faccio fregare“.

/ AFP PHOTO / FILIPPO MONTEFORTE

Il nove volte campione del mondo ha spiegato, perchè, il comportamento delle gomme non dipende dalla gara di Moto2 che precede quella della categoria regina: “no, non la penso così. Sei partito bene, ma quando davanti non c’è grip devi andare più piano e dietro parte, lo slide che abbiamo in accelerazione è figlio della meno velocità di percorrenza della gomma davanti“.

Foto Alessandro La Rocca/LaPresse

Sul suo secondo posto in classifica ha aggiunto: “sono secondo in campionato e sono contento, è una situazione tecnica difficile quindi penso di aver fatto un buon lavoro fino a qua. Sono molto contento, non pensavo di essere secondo in campionato dopo il Mugello, pensavo di fare più fatica, questi problemi non sono facili da migliorare durante la stagione, ci vuole un grande sforzo da parte di tutti, se riusciremo ad essere competitivi da dopo la pausa in poi potremo tornare a lottare per la vittoria.

/ AFP PHOTO / FILIPPO MONTEFORTE

Infine Valentino Rossi ha lanciato un segnale ai giapponesi: “la moto è uguale a prima, secondo me abbiamo fatto uno step come guidabilità della moto, siamo veloci, ma nell’hot lap, la gara per noi è un problema, ieri ero sincero quando dicevo che il massimo poteva essere un podio, ma va bene così, adesso ci devono aiutare, sappiamo i nostri problemi adesso devono aiutarci i nostri amici giapponesi. La nostra moto quando c’è molto grip si guida bene invece gli altri hanno fatto un passo nel passo di gara, quindi per noi le gare sono sempre troppo lunghe, bisognerebbe farle di 4-5 giri“.